La Loggia, attivo il nuovo centro regionale di ricerca sul Covid-19

232

Al via le attività del nuovo centro regionale a La Loggia, all’avanguardia per la ricerca sui virus, a partire dal Coronavirus responsabile del Covid-19.

E’ attivo a La Loggia il nuovo centro regionale per la Biologia molecolare, realizzato da Regione e Arpa Piemonte con il contributo di Assicurazioni Generali e Intesa Sanpaolo, all’avanguardia per la ricerca e l’analisi dei virus, a partire dal Coronavirus responsabile del Covid-19.

La nuova struttura svolge attività analitiche, di approfondimento e di ricerca applicata nel campo della virologia ambientale, con la finalità di sviluppare conoscenze sulle interazioni dei virus con l’ambiente.

E’ inoltre dotata di sistemi robotizzati che consentiranno di analizzare in breve tempo un gran numero di tamponi, oltre che di un laboratorio di ultima generazione per la manipolazione di virus a Biosicurezza-3.

Il Piemonte, grazie a questa struttura, è passato da 2 a 27 laboratori di analisi, portando la propria capacità di fare tamponi dai 320 al giorno dei primi tempi ai 13.000 potenziali attuali -sottolineano dalla Regione- Il nuovo Centro sarà l’unico in Italia in grado di fare test anche di tipo ambientale. Proprio da questi, che comportano la ricerca del Covid per esempio nelle acque reflue o nei filtri dell’aria degli ospedali, è partita l’attività dallo scorso 10 settembre. Da fine mese si inizierà con l’analisi dei tamponi“.

A far funzionare il nuovo Centro ricerche di La Loggia sono giovani professionisti altamente specializzati, con lauree in Biologia, Biotecnologie e Tecniche di laboratorio biomedico, che hanno appena terminato un ulteriore corso di formazione specifica.
Sarà un luogo dove l’esecuzione di test diagnostici, la ricerca e sviluppo di nuove tecnologie analitiche e il monitoraggio ambientale coesisteranno in maniera sinergica“.

Contagi da Coronavirus in Piemonte, la mappa interattiva