Legambiente Piemonte e Valle d’Aosta: “Il 2024 sia l’anno dell’economia circolare”

142

Legambiente Piemonte e Valle d’Aosta lancia una sfida ad amministrazioni e territorio per ridurre la produzione di rifiuti e aumentare la raccolta differenziata.

2024: l’anno dell’economia circolare

Legambiente Piemonte e Valle d’Aosta lancia una sfida ad amministrazioni e territorio e propone nuovi obiettivi per migliorare drasticamente il sistema dei rifiuti: si punta a raggiungere entro il 2025 un riciclo del 55% dei rifiuti prodotti, 60% entro il 2030 e 65% entro il 2035.

“Negli ultimi quattro anni, la crescita della raccolta differenziata in Piemonte è stata troppo lenta –dichiara Alice De Marco, Presidente di Legambiente Piemonte e Valle d’Aostainferiore al punto percentuale all’anno. Questo ci ha permesso di raggiungere con gran ritardo l’obiettivo del 65% di RD. Situazione analoga in Valle d’Aosta, con una sostanziale stasi dal 2019 ad oggi. Di questo passo non saremo in grado di rispettarli. È necessario un cambio di marcia netto: si lavori seriamente alla riduzione dei rifiuti, tema trascurato dal Piano Regionale Piemontese PRUBAI, e al riuso. Si potenzi una raccolta differenziata che punti alla quantità, ma soprattutto alla qualità, tema troppo spesso ignorato da amministrazioni e gestori di servizio”. 

Il carmagnolese Giorgio Prino vice-presidente regionale di Legambiente

Il Rapporto Rifiuti Urbani, Edizione 2023, recentemente pubblicato da Ispra, evidenzia come la crescita della raccolta differenziata piemontese sia eccessivamente lenta, con una crescita negli ultimi 4 anni di meno di 4 punti percentuali: dal 63,24% del 2019 al 67,05 del 2022. Parallelamente la produzione di rifiuti rimane stabilmente sopra i 2.100.000 tonnellate anno, con una medi pro-capite di 497 kg/anno. In Valle d’Aosta il trend è ancora meno positivo, con una sostanziale crescita zero della differenziata: meno dell’1,5%, passando dal 64,53% del 2019 al 66,05% del 2022, e una produzione di rifiuti di oltre 616 kg/abitante all’anno.

“L’obiettivo ultimo deve essere il riciclo effettivo -prosegue la presidente Alice De Marco Si diffonda in tutti i Comuni la tariffazione puntuale per premiare le utenze più virtuose. A valle della raccolta differenziata dobbiamo avere gli impianti per il riciclo del materiale raccolto: digestori anaerobici per produrre compost e biometano, impianti industriali di recupero delle materie prime critiche dai rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche, quelli di riciclo dei prodotti assorbenti per le persone e quelli che trattano le terre da spazzamento. ‘Rifiuti Zero, Impianti Mille’, abbiamo sempre dichiarato. Ma il via libera è solo per gli impianti per l’economia circolare, non certo per gli inceneritori. In questo momento in Piemonte si parla di due impianti di termovalorizzazione: uno per gli RSU previsto dal PRUBAI, la cui localizzazione non è ancora definita: le ipotesi vanno da un nuovo impianto nel sud est della regione o un ampliamento dell’esistente Gerbido di Torino; uno per i rifiuti speciali proposto da A2A a Cavaglià, in provincia di Biella. Non sono questi gli impianti di cui abbiamo bisogno e siamo fermamente contrari ad entrambi”.

Legambiente Carmagnola critica i lavori sul Po al Gerbasso: “una devastazione”

“Gli obiettivi individuati dal PRUBAI piemontese sono molto ambiziosi in termini di raccolta differenziata (82% al 2035)dichiara Sergio Capelli, Direttore di Legambiente Piemonte e Valle d’Aostatanto da risultare irraggiungibili in assenza di un cambio di passo. Mantenendo infatti una curva di crescita come quella degli ultimi anni, al 2035 saremmo di poco sopra al 75%. Quelli di produzione (2.000.000 di tonnellate annue) sono estremamente timidi: meno del 4% totale, pari allo 0,36% annuo.

Come spiega Cappelli, quello che più preoccupa, però, è la qualità della raccolta differenziata. La sensazione è che stia calando sensibilmente, in tutte le frazioni, complice anche il ritorno in ampie zone del territorio alla raccolta stradale, seppur con cassonetti a riconoscimento utente.

“Siamo costretti a parlare di sensazioni- continua il direttore di Legambiente- perché non esistono dati ufficiali in tal senso. Aumentare la percentuale di raccolta differenziata senza accrescerne la qualità è un escamotage che permette di raggiungere vecchi obiettivi comunitari (il 65% targettizzato al 31/12/2012), ma che ci allontana sempre di più dagli obiettivi di riciclo effettivo previsti dal Pacchetto Economia Circolare del 2018. Una riduzione della produzione di rifiuti associata ad una crescita quali-quantitativa della raccolta differenziata e alla costruzione di nuovi impianti industriali di riciclo è la sola strada che ci può allontanare dalla costruzione di nuovi inceneritori, sia che rientrino nella pianificazione pubblica, come quello previsto nel PRUBAI, sia che facciano capo a progettazione privata, come quello proposto a Cavaglià. Altro non sarebbero che un ostacolo enorme all’economia circolare che auspichiamo, oltre a nuove fonti di inquinanti e gas climalteranti: l’inceneritore del Gerbido, ad esempio, emette circa 650.000 tonnellate di CO2 equivalenti ogni anno”.

Notizie gratis ogni giorno con il canale Whatsapp de “Il Carmagnolese”