Ndrangheta a Carmagnola, sentenza d’appello del Processo Carminius

1618

La Corte d’Appello di Torino ha emesso il dispositivo di sentenza relativo al Processo “Carminius” contro la ndrangheta a Carmagnola: 16 condanne, per un totale di oltre 139 anni di reclusione. Nuovi risarcimenti danni per il Comune e per il vicesindaco Cammarata.

ndrangheta a carmagnola sentenza processo carminius secondo grado corte appello torino
La Corte di Appello di Torino si è pronunciata sulla ndrangheta a Carmagnola nell’ambito del Processo Carminius [immagine di repertorio]
È stato reso noto oggi il dispositivo di sentenza contro la ndrangheta a Carmagnola da parte della prima sezione penale della Corte di Appello di Torino, nell’ambito del cosiddetto “Processo Carminius”.

Sono stati condannati 16 imputati, tra cui l’ex politico Roberto Rosso, per un totale di oltre 139 anni di reclusione complessivamente inflitti, oltre a ulteriori risarcimenti danni alle parti civili rispetto a quanto deciso in primo grado.

Processo Carminius: 250 mila euro di risarcimento al Comune di Carmagnola

Questo il dettaglio delle singole condanne inflitte dal Tribunale:

  • Salvatore Arone, 17 anni di reclusione
  • Francesco Arone, 16 anni e due mesi di reclusione
  • Antonino Buono, 13 anni e sei mesi di reclusione con interdizione in perpetuo dai pubblici uffici e libertà vigilata per un anno e sei mesi a pena espiata
  • Antonino Defina, 12 anni e dieci mesi di reclusione
  • Raffaele Arone, 12 anni e otto mesi di reclusione
  • Nazareno Fratea, 10 anni e otto mesi di reclusione
  • Angiolino Petullà, 10 anni e quattro mesi di reclusione
  • Nicola De Fina, 10 anni di reclusione con interdizione in perpetuo dai pubblici uffici e libertà vigilata per un anno a pena espiata
  • Alessandro Longo, 8 anni e sei mesi di reclusione, 2.800 euro di multa, con interdizione in perpetuo dai pubblici uffici e libertà vigilata per un anno a pena espiata
  • Carlo De Bellis, 7 anni e otto mesi di reclusione
  • Ivan Corvino, 6 anni e otto mesi di reclusione
  • Roberto Rosso, 4 anni e quattro mesi di reclusione
  • Enza Colavito, 4 anni di reclusione
  • Domenico Cichello, 1 anno e nove mesi di reclusione (pena sospesa)
  • Marco Podda, 1 anno e sei mesi di reclusione (pena sospesa)
  • Daniele Michele Interrante, 1 anno e tre mesi di reclusione (pena sospesa)

Assolto “per non aver commesso il fatto” Antonino Pilutzu, con revoca delle statuizioni civili nei confronti dello stesso.

Cammarata: “non abbassiamo la guardia sulle infiltrazioni mafiose a Carmagnola”

Inoltre Antonino Buono e Nicola De Fina, che in primo grado erano stati assolti, sono tenuti al risarcimento danni nei confronti delle parti civili -Regione Piemonte, Comune di Carmagnola e Libera– anche per quanto riguarda il precedente processo.

Buono dovrà anche pagare un risarcimento danni all’attuale vicesindaco di Carmagnola, Alessandro Cammarata per ora quantificato in 5.000 euro (salvo ulteriore decisione del tribunale civile), oltre a 11 mila euro di spese legali relative ai due gradi di giudizio.

L’ex onorevole Roberto Rosso, invece, è tenuto a pagare 2.800 euro al suo ex partito, Fratelli d’Italia, a risarcimento delle spese processuali di questo grado di giudizio.

La sentenza completa verrà depositata entro novanta giorni.

Carmagnola si schiera contro le mafie, ricordando le vittime innocenti