Variante Est di Carmagnola, al via le procedure amministrative

1978

Con una lettera ufficiale inviata da Autostrada dei Fiori, titolare del procedimento, prendono il via le procedure amministrative per realizzare la Variante Est di Carmagnola. Il sindaco Gaveglio: “un passo avanti importante”.

variante est di carmagnola
Prosegue l’iter burocratico per la realizzazione della Variante Est di Carmagnola, che consentirà al traffico (soprattutto quello pesante) di evitare il centro abitato [immagine di repertorio – fonte: forensisgroup.com]
Con una lettera ufficiale inviata a Città metropolitana di Torino, Regione Piemonte e Comune di Carmagnola, l’Autostrada dei Fiori ha richiesto la verifica della procedura di valutazione dell’impatto ambientale per quanto riguarda il progetto della Variante Est, il primo lotto della futura tangenziale cittadina che permetterà al traffico di passaggio di evitare il centro abitato.

Con questa comunicazione, il progetto fa un passo avanti importante perché si avviano le procedure amministrative per la sua realizzazione -commenta soddisfatta Ivana Gaveglio, sindaco di Carmagnola- Come Comune, solleciteremo ora la Città metropolitana e la Regione Piemonte, affinché il percorso sia il più rapido possibile, confortati anche dal fatto che l’opera è stata inserita nel piano finanziario presentato al Ministero relativo al periodo 2019-2023“.

La tangenziale di Carmagnola rientra tra le opere prioritarie del Piemonte

Tutti gli Enti coinvolti, nei mesi scorsi, avevano già approvato la Variante Est di Carmagnola, tramite apposite convenzioni, riconfermandone la priorità tra le opere pubbliche da avviare sul territorio regionale.

L’opera -progettata inizialmente dalla stessa Città metropolitana- consiste in una nuova strada extra-urbana di circa 3,5 chilometri, che andrà a collegare la bretella sud con il casello dell’autostrada A6; il costo è di circa 8,5 milioni di euro.

La circonvallazione di Carmagnola inserita nel Recovery Fund?

Gli interventi si propongono di offrire un’alternativa alla viabilità locale, facilitando, soprattutto ai mezzi pesanti, sia l’attraversamento dell’abitato di Carmagnola che l’ingresso e l’uscita dall’autostrada, a beneficio della sicurezza del traffico e dell’ambiente circostante -scrive il direttore tecnico di Autostrada dei Fiori, l’ingegner Maurizio Deiana, nella lettera- Di conseguenza, la realizzazione delle opere avrà anche un effetto immediato sulla riduzione dell’inquinamento atmosferico registrato dalle rilevazioni Arpa“.

Qualora gli impatti ambientali della Variante fossero ritenuti tali da non dover subordinare l’opera al processo di Valutazione, questa fase potrebbe addirittura essere superata, velocizzando ulteriormente l’avvio dei cantieri: la strada potrebbe pertanto vedere la luce entro la fine del 2023.

Variante Est di Carmagnola: un altro passo in avanti