Allerta idrogeologica a Carmagnola e dintorni: gli aggiornamenti

2496

Situazione idrogeologica stabile in tutto il Carmagnolese nel pomeriggio di oggi, domenica 24 novembre. L’allerta è ancora arancione, con alcune situazioni critiche; per le scuole decisione in serata.

Po a Carmagnola allerta idrogeologica foto Il Carmagnolese
Il Po sul ponte tra Carmagnola e Carignano

Situazione idrogeologica stabile in tutto il Carmagnolese, con l’allerta ancora classificata come arancione e alcune situazioni critiche.

In serata la decisione in merito alla chiusura delle scuole: Per ora non sussistono le condizioni per chiuderle: l’aggiornamento definitivo si avrà comunque con il bollettino di questa sera, dopo che avremo valutato eventuali nuovi sviluppi –dichiara l’assessore alla Protezione Civile, Massimiliano Pampaloni- In caso di chiusura, l’avviso verrà diramato in tutti modi possibili“.

Aggiornamento delle 19:30: scuole chiuse a Carmagnola nella giornata di lunedì 25 novembre.

Il livello dei corsi d’acqua è risultato in leggera crescita per quanto riguarda il torrente Meletta e il torrente Maira, stabili il torrente Ricchiardo e il rio Corno e in leggera decrescita il torrente Stellone, il rio San Pietro e il canale di scolo della frazione Tetti Grandi.

Nella mattinata sono state attivate diverse idrovore sul rio Corno all’interno della Frazione Motta e sul canale dei Tetti Grandi, per limitare al massimo gli allagamenti che lambiscono le zone abitate.

Qui l’aggiornamento di questa mattina relativo a Carmagnola, con l’elenco delle strade chiuse.

Anche nei dintorni si registrano difficoltà, con diverse strade chiuse.
La situazione più critica si registra a Pancalieri. Qui il Po è esondato, arrivando a minacciare il centro abitato; non è percorribile la provinciale per Faule. Tracimato in alcuni punti l’Angiale, il rio che attraversa anche il paese.
A Carignano, chiusi per allagamenti i collegamenti per Vinovo e Saluzzo.
A Poirino non sono percorribili, causa allagamenti, la strada per Zucchea, un tratto di Cascina Rubina e la strada comunale di Riva presso Chieri dalla variante sp 29 all’altezza di Cascina San Pietro (Agrigelateria). Ulteriori dettagli e segnalazioni rivolgendosi alla Polizia municipale, telefono 348-3618558.
A Racconigi bloccata la viabilità in frazione Tagliata, nel tratto tra il ponte Bealera fino al confine con Caramagna Piemonte.
A Virle chiusa la provinciale 138 per Cercenasco, dopo l’esondazione del torrente Lemina.
Allagamenti segnalati anche nei pressi di Piobesi Torinese.
A Villastellone nessuna strada chiusa, ma resta alta l’allerta nelle aree vicine allo Stellone (via Carignano, via XXV Aprile e via San Giovanni Bosco). Il cinema Jolly ha annullato le proiezioni odierne.

Il Po ha raggiunto a fine mattinata il livello di pericolo nell’area di Moncalieri ma, tranne alcune esondazioni locali, non si segnalano criticità, almeno sul territorio carmagnolese. Più difficile, invece, la situazione più a monte.

Po a Moncalieri allerta idrogeologica
Il Po a Moncalieri ha raggiunto il livello di pericolo poco dopo le 12 di oggi

Il bollettino emesso dal Centro funzionale regionale alle ore 13 di oggi, domenica 24 novembre segnala, in generale, un “decrescere” dell’allerta per molte aree della Città metropolitana, in concomitanza con il progressivo esaurimento delle piogge.

Restano in allerta rossa (massima criticità) per allerta idrogeologica le Valli Orco, Lanzo, bassa Valsusa e Sangone. È allerta arancione per tutte le altre zone: Chiusella, alta Valsusa, Chisone, Pellice e Po, pianura settentrionale, pianura torinese e colline, pianura cuneese.
La situazione resta comunque critica anche se il maltempo è in attenuazione, le precipitazioni per la giornata di oggi sono ancora diffuse e, in alcuni casi, con valori forti e molto forti su Pinerolese“, commentano dalla Centro regionale.

La Protezione civile metropolitana invita la popolazione alla massima prudenza e suggerisce di limitare i trasferimenti al minimo necessario, evitare i sottopassi, togliere le auto dai parcheggi sotterranei e parcheggiarle al sicuro prima dell’intensificarsi delle piogge e non sostare nei locali sotterranei.