Crescere Insieme Carmagnola Onlus compie 20 anni

968

Quest’anno l’Associazione onlus “Crescere Insieme Carmagnola” spegne 20 candeline: una storia di solidarietà con il Kenya.

Crescere Insieme Carmagnola
Il primo incontro tra Mamma Luca e padre Lorenzo

Quest’anno l’Associazione onlus “Crescere Insieme Carmagnola” compie 20 anni. Anche se, come dicono i componenti, “sono volati”!
«Sembra ieri che “mamma Lucia” bussava alle porte di parenti ed amici per raccogliere piccole offerte da inviare in Kenya a Padre Lorenzo Micheni. Il sacerdote aveva fatto breccia nel suo cuore, descrivendo e raccontando le drammatiche realtà nelle quali è costretta a vivere la maggior parte della popolazione locale».

“Mamma Lucia” conobbe padre Lorenzo qui in Italia, durante un suo soggiorno nella parrocchia di Carmagnola. Studiava a Roma e nel 2000, invitato dal parroco della Parrocchia carmagnolese, ha trascorso un periodo a servizio della nostra Comunità. Erano pochi i vocaboli che in lingua italiana padre Lorenzo conosceva, ma sono stati sufficienti per trasmettere a “mamma Lucia” il bisogno di aiuto e di amore di cui necessitava.
Non è stato facile per lei -con il suo poco coraggio e la sua timidezza- smuovere i cuori di chi incontrava per strada e di chi conosceva appena, ma probabilmente la grande volontà e il suo grande amore per il prossimo sono riusciti a trasmettere a molti il gesto della carità fraterna.

In seguito, un gruppo di amici, coinvolti dalla bontà dell’iniziativa, ha deciso di unirsi e sostenere l’impegno di “mamma Lucia”: inizialmente solo per raccogliere fondi e, successivamente, recandosi direttamente sul posto per verificare la reale necessità e la possibilità di eseguire interventi più strutturati.
L’impatto iniziale ai loro occhi fu desolante: la povertà si percepiva a ogni sguardo; c’era mancanza di strade e, intorno a loro, solo capanne di fango e paglia. L’economia di pura sussistenza era costituita da qualche gallina;chi era più fortunato possedeva una capra, magra a causa della siccità. Il paesaggio rivelava donne e bambini che percorrevano chilometri e chilometri con taniche in testa per approvvigionarsi l’acqua del fiume, di dubbia potabilità.

«Il nostro primo intervento è stato quello delle adozioni a distanza. Poi, nel corso degli anni, si sono susseguite la costruzione e continui ampliamenti della scuola primaria di Igoji, con all’interno la scuola dei mestieri: falegnameria, segheria e panetteria. Quindi la costruzione di casette in legno con letti (82), pozzi per l’acqua (62), oltre a cinque forni per il pane, due acquedotti, la ristrutturazione al seminario St. Pio X di Nkubu (dove vive ed è rettore padre Lorenzo), il sostegno alla scuola per bambini non vedenti St. Lucy di Igoji, all’orfanotrofio bambini disabili St. Lawrence di Nkubu e all’orfanotrofio Allamano Consolata di Meru. Senza dimenticare l’acquisto di lampade per la sala operatoria dell’ospedale di Chaaria, il sostegno a fratel Beppe Gaido, l’invio di cinque container (contenenti materiale agricolo, macchinari per falegnameria, panificazione, eccetera), il sostegno di diversi ragazzi e ragazze negli studi post-secondaria, interventi chirurgici, borse di studio e tanto altro».

Tutti questi interventi sono stati resi possibili grazie alla generosità delle persone che hanno creduto in Crescere Insieme Carmagnola, ma anche alle tante serate spese a riparare giocattoli e oggetti vari da rivendere ai mercatini, alle “polentate” e alle “paelle” per l’Africa che ogni anno raccolgono straordinari consensi e grande successo, agli spettacoli teatrali nei quali artisti di grande generosità mettono gratuitamente a disposizione la loro arte.

Ultima tra le tante iniziative, ma solo in ordine di tempo, è quella del “Turismo responsabile”: un viaggio organizzato tra i poveri del Kenya, con un’iniziativa aperta a tutti, singoli, gruppi o parrocchie, che intendano toccare con mano i frutti della solidarietà, immersi nelle bellezze mozzafiato di una natura ancora in gran parte incontaminata. «Può essere l’occasione per prendere parte a quel viaggio in Africa sognato da sempre, magari per incontrare i bambini sostenuti a distanza e vedere tutti i progetti finora realizzati. Noi, in questi anni, abbiamo cercato di rendervi testimonianza del lavoro svolto grazie al vostro prezioso contributo, affinché condividiate la nostra gioia, ma anche la disperazione di coloro che aiutiamo. Vent’anni a fianco degli ultimi sono una tappa importante, ma le cose da fare sono ancora tante».

Lo spirito è ancora forte, anche se gli acciacchi degli anni si fanno comunque sentire. “Mamma Lucia”, nonostante i suoi 82 anni, continua a essere la presidente dell’Associazione Crescere Insieme Carmagnola e, anche se le forze si affievoliscono, dà ogni giorno -con la sua umiltà e il suo grande amore- lo slancio per continuare la sua strada.
Padre Lorenzo in Kenya è sempre fermo nei suoi principi, lottando e impegnandosi affinché i poveri vengano sempre prima di ogni altra cosa.
«In genere ai festeggiati viene fatto un regalo: per noi non chiediamo niente, ma se anche voi, come noi, avete nel cuore le sofferenze degli ultimi, fatevi un regalo: continuate a sostenerli, in qualsiasi parte del mondo».