Festeggiati a Salsasio i primi cinque anni di don Iosif come parroco

682

Le Comunità parrocchiali di Salsasio, Casanova, Vallongo, Tuninetti e Tetti Grandi si sono riunite per festeggiare i primi cinque anni da parroco di don Iosif Patrascan.

don iosif parroco
Un momento della festa per i cinque anni da parroco di don Iosif Patrascan

Lo scorso 7 ottobre 2022, le Comunità parrocchiali di Salsasio, Casanova, Vallongo, Tuninetti e Tetti Grandi si sono riunite nella chiesa nuova di Salsasio per festeggiare i primi cinque anni da parroco di don Iosif Patrascan.

Il 7 ottobre 2017 si teneva infatti la cerimonia d’ingresso nella Parrocchia carmagnolese: a celebrare i primi cinque anni di cammino e preghiera insieme vi erano anche il sindaco di Carmagnola, Ivana Gaveglio, e don Alessandro Lanfranco.

Nelle chiese di Salsasio installati i dispenser anche per l’acqua santa

Alla fine della celebrazione il portavoce delle parrocchie, Ivan Quattrocchio, ha salutato don Iosif con queste parole: “Grazie per la tua presenza, per i tuoi insegnamenti e anche per quelle decisioni che hai preso e che magari non sono state subito accettate ma che poi si sono rivelate non soltanto giuste, ma necessarie“.

Le comunità di Salsasio, Casanova, Vallongo, Tuninetti e Tetti Grandi hanno donato a don Iosif un calice in stile barocco di color oro con l’incisione “7 ottobre 2017 – 7 ottobre 2022 – Don Iosif Parroco”.

Il calice dorato donato a don Iosif dai suoi fedeli per celebrare i primi cinque anni di cammino insieme

Il momento più importante per un cristiano e per una Comunità è la santa messa e il momento principale della santa messa è la consacrazione, quando il pane e il vino diventano corpo e sangue di Cristo -ha spiegato Quattrocchio- Parroco e parrocchiani in quel momento diventano un cuor solo e un’anima sola riuniti attorno all’altare della mensa del Signore. Il calice rappresenta tutto questo“.

La celebrazione è stata animata da Cori, lettori e minsitranti di tutte le Comunità guidate da don Iosif Patrascan.

Il nuovo vescovo di Torino ospite a Carmagnola