In archivio la Fiera del Peperone di Carmagnola 2020, un’edizione differente

651

Si è conclusa l’edizione numero 71 della Fiera nazionale del Peperone di Carmagnola, un’edizione assolutamente diversa dal solito, a causa dell’emergenza sanitaria Covid-19.

Fiera del Peperone di Carmagnola 2020 foto Francesco Rasero
Stand di peperoni alla Fiera 2020 (foto di Francesco Rasero)

Si è conclusa l’edizione numero 71 della Fiera nazionale del Peperone di Carmagnola, un’edizione assolutamente diversa dal solito a causa dell’emergenza sanitaria Covid-19 e funestata in parte anche dal maltempo.

Le giornate senza pioggia, comunque, non hanno impedito l’affollarsi di visitatori soprattutto negli ultimi giorni, quando era attiva l’area gastronomica nel cortile del castello, a ingresso contingentato (250 persone la capienza massima), non senza la formazione code da parte degli avventori negli orari “di punta”.

Fiera del Peperone di Carmagnola 2020 foto Francesco Rasero
L’area food della Fiera del Peperone 2020 di Carmagnola (foto di Francesco Rasero)

Nei quattro giorni finali, inoltre, sono state parecchie le attività in presenza, a partire da quelle organizzate in collaborazione con diversi locali carmagnolesi nelle vie e piazza del centro storico, oltre ai banchi della fiera commerciale disposti quest’anno lungo l’asse di via Valobra, accompagnati dall’apertura serale di alcuni negozi.

Applausi (online) per la sezione digitale della Fiera del Peperone, andata in onda ogni giorno dal salone della chiesa di San Filippo, trasformato in set televisivo.

Fata Zucchina Ricerca sul Cancro
La consegna dell’assegno alla Fondazione piemontese per la Ricerca sul Cancro di Candiolo

Qui Renata Cantamessa ha anche consegnato “simbolicamente” alla Fondazione piemontese per la Ricerca sul Cancro di Candiolo un assegno di 1.500 euro (nella foto sopra) raccolti grazie a “I ricercati”, la web-serie solidale di Fata Zucchina creata con i disegni di mille piccoli studenti carmagnolesi, realizzati durante il lockdown con l’obiettivo di aiutare chi lotta contro i tumori.

Hanno fatto da piacevole cornice all’evento anche i tanti spettacoli organizzati nel cortile del castello comunale e in Piazza Italia, le cene agli Antichi Bastioni e diverse mostre artistico-culturali, alcune delle quali (tra cui quella a Palazzo Lomellini) proseguono anche dopo il termine della Fiera.

Fiera del Peperone di Carmagnola 2020 foto Francesco Rasero
L’area commerciale allestita in via Valobra nei 4 giorni finali della Fiera 2020 (foto di Francesco Rasero)

Sicuramente l’atmosfera è stata diversa dal solito, più raccolta e “carmagnolese”, senza grandi folle ma nel tentativo di realizzare comunque -nonostante le limitazioni necessarie per evitare un nuovo diffondersi dei contagi da Coronavirus– un appuntamento molto sentito dal territorio e di primaria importanza per la valorizzazione dei prodotti di punta dell’agricoltura locale: i peperoni.

Carmagnola: torna l’Arte al Lomellini (e non solo)