Il Munlab di Cambiano all’Expo di Doha 2023

213

Il Munlab Ecomuseo dell’Argilla di Cambiano partecipa nel Padiglione Italia alla prima Esposizione Internazionale di Orticoltura di Categoria A1, Doha Expo in Qatar.

I visitatori potranno avere un sesterzio in terra cruda, realizzato all’Ecomuseo dell’Argilla di Cambiano

Il comune di Cambiano è entusiasta di comunicare la partecipazione del Munlab Ecomuseo dell’Argilla alla prima Esposizione Internazionale di Orticoltura di Categoria A1, chiamata “Doha Expo 2023”, attualmente in corso in Qatar e visitabile fino a marzo 2024.

Il Doha Expo 2023 è infatti dedicato ai temi dell’orticultura e dello sviluppo sostenibile, e al Padiglione Italia i visitatori potranno avere in dono un sesterzio – l’antica moneta romana – in terra cruda, realizzato all’ecomuseo di Cambiano. La moneta è ispirata al sestertius romano e sopra vi è impressa la sagoma della nostra penisola, è realizzata in terra cruda perché questa, a differenza della terracotta, può tornare ad essere terreno fertile semplicemente innaffiandola.

Il sesterzio rappresenta quindi il simbolo del suolo fertile italiano al Doha Expo 2023 e de “Il giardino del Futuro” del Padiglione Italia. L’Ecomuseo dell’Argilla ha realizzato circa 30.000 monete realizzate artigianalmente: i 15 artigiani si sono occupati della preparazione delle lastre di argilla, dello stampaggio, del taglio, dell’essicazione e del confezionamento.

Apre il Munshop, bottega dell’Ecomuseo dell’Argilla di Cambiano

Il sestertius nasce da un progetto di MOTOElastico, il cui team è composto da Simone Carena, Marco Bruno, Minji Kim, Giulia Nespoli, Jihye Shin, Felice & Forte & Fermo Carena. Gli artigiani e i partecipanti a vario titolo coinvolti dal Munlab in questa importante produzione sono Elena Carena, Sara Bazzano, Luca Ferrandi, Rosa Pigola, Giorgio & Riccardo Pezzana, Giuliana Forneris, Jacopo Bernatti, Martina Galanti, Chiara Costa, Vito Di Martino, Simone Schio, Emanuele & Federico Gilardi, grazie all’eredità e agli insegnamenti di Cesario Carena.

Le monete sono confezionate in piccole buste di carta, anche queste hanno una forte valenza simbolica, ecologica e una realizzazione artigianale: sono timbrate singolarmente a mano, con le istruzioni, l’immagine della moneta e un codice QR del profilo social “italyinqatar”.

Per ulteriori informazioni si può contattare Elena Carena, referente del progetto, al Munlab, telefonando al numero 011-9441439 oppure inviando una e-mail a info@munlabtorino.it.

Cambiano: nuovi arredi urbani grazie al Distretto del Commercio