“Inventare animali e mondi”: Sommacal in mostra a Chivasso

598

Giorgio Sommacal, fumettista carmagnolese, espone al museo Clizia di Chivasso con la mostra “Inventare animali , inventare mondi”

Giorgio Sommacal
Giorgio Sommacal

In occasione del festival “I Luoghi delle Parole”, il museo Clizia di Chivasso (Palazzo Einaudi) ospita la mostra “Inventare animali, inventare mondi” di Giorgio Sommacal.

L’ingresso è gratuito. Sarà possibile visitare la mostra dal martedì alla domenica, dalle 16 alle 19:30. La mostra proseguirà fino al 24 febbraio.

Giorgio Sommacal è nato a Carmagnola nel 1961 e divide la sua attività tra fumetti e libri per ragazzi. Ha cominciato nel 1989 disegnando e scrivendo tre storie di Lupo Alberto di Silver, passando poi al personaggio di Cattivik. Negli anni ha fatto molte cose, fra le migliori: nel 2006 per Sperling & Kupfer ha illustrato il libro “1.000.000 di dinosauri per Diego Zanzana” di Pino Pace.
Con lo stesso autore nel 2008 ha disegnato il libro “Prospero e l’esaggelato” per i tipi di Giralangolo-EDT. Sempre con la stessa casa editrice nel 2010 realizza il libro “Bestiacce!”, seguìto nel 2011 da “Univerzoo” con l’ormai inseparabile Pino Pace.

Attualmente lavora per la Sergio Bonelli Editore in qualità di disegnatore di Zagor. Dopo aver insegnato alla Scuola Internazionale di Comics di Torino e alla Scuola di Fumetto di Bra, ora insegna al corso di fumetti per ragazzi delle Scuole civiche di Bresso.

La mostra di Chivasso, curata da Diego Bionda, raccoglie centinaia di schizzi, bozzetti, disegni originali di Sommacal e le tavole dei libri.
E’ presente anche una sezione dedicata al lavoro che lo Studio Bozzetto &Co ha realizzato per trasformare “Bestiacce” in una serie di cartoni animati attualmente in lavorazione.

Nell’esposizione è possibile ammirare in mostra tutta la fase di character design dei personaggi della serie e un trailer video del cartone animato. Un viaggio attraverso mondi abitati da animali fantastici che dialogano con una selezione di opere del bestiario di Mario Giani, in arte Clizia. Le opere sono state appositamente selezionate dalla collezione del museo per rimanere in tema con la mostra.

Fin dall’antichità l’uomo ha esplorato gli angoli più nascosti del mondo nella speranza di incontrare e scoprire nuove specie animali. La sua fantasia ha lavorato molto per creare mondi fantastici e i suoi abitanti dalla caratteristiche straordinarie –è il commento dei curatori della mostra al tema proposto- Il fumettista Sommacal in “Bestiacce” e “UniverZoo” (i due libri di successo, scritti e disegnati con Pino Pace) e in molti lavori personali o editoriali si è confrontato con il tema dei bestiari. La sua incredibile versatilità grafica e pittorica e il suo senso dell’umorismo gli hanno permesso di creare animali irresistibili e geniali, capaci di interessare un vasto pubblico“.