Piobesi Torinese, il Consiglio comunale riflette sul difficile 2020

216

Si è riunito il Consiglio comunale di Piobesi Torinese: la discussione del rendiconto finanziario del 2020 è stata l’occasione per ripercorrere il difficile anno segnato dalla pandemia.

consiglio comunale Piobesi torinese
Si è riunito il consiglio comunale a Piobesi Torinese: tra i punti all’ordine del giorno il rendiconto finanziario 2020

Si è riunito il Consiglio comunale di Piobesi Torinese: tra i punti all’ordine del giorno erano presenti il rendiconto finanziario 2020 e l’ampliamento al paese di Scalenghe della convenzione con alcuni Comuni limitrofi per il servizio di Polizia municipale.

Il sindaco Fiorenzo Demichelis ha aperto la seduta proprio con la spiegazione del rendiconto finanziario dell’anno 2020, riportando un excursus sui difficili mesi che si sono dovuti affrontare a causa della pandemia.

Da febbraio 2020, infatti, l’anno è stato caratterizzato dalla presenza del nuovo Coronavirus, con le relative conseguenze: “Grazie alle associazioni piobesine, agli aiuti di benefattori anonimi e ai finanziamenti provenienti dallo Stato abbiamo potuto attuare diverse azioni per sostenere i piobesini in questo periodo di difficoltà -spiega il primo cittadino- Gli aiuti alle famiglie sono stati possibili grazie al lavoro della Caritas parrocchiale, ai buoni alimentari e inoltre abbiamo distribuito le mascherine a inizio pandemia casa per casa. Anche le attività commerciali sono state sostenute con due bandi, e durante i mesi estivi siamo riusciti ad attivare l’estate ragazzi comunale e a sostenere il centro estivo presso la scuola dell’infanzia Baima“.

A Piobesi l’Estate Ragazzi 2020 è più forte del Covid

Sono inoltre da ricordare i sostegni forniti alla scuola per fronteggiare l’emergenza sanitaria, ad esempio gli investimenti per l’adeguamento alle nuove norme: si sono così potuti realizzare percorsi differenziati per le classi della scuola primaria; anche l’iniziativa social #restiamoconnessi ha avuto successo: “Da questo progetto, che ha permesso all’amministrazione di mantenere i contatti con la comunità, si è anche tratto un intervento benefico a favore delle famiglie piobesine in difficoltà: faccio riferimento alla vendita dei calendari Sfumature di Piobesi ad opera della Pro Loco -ha continuato Demichelis – La Sagra del pane ha sancito una riapertura dopo mesi di chiusure e un’occasione per i cittadini di tornare nelle vie del paese“. Il sindaco ha poi ringraziato gli uffici comunali, in particolare l’ufficio finanziario che ha redatto il documento in questione.

La parola è quindi passata alla consigliera di minoranza Rosi Bartolo, che ha rinnovato la riconoscenza a chi ha lavorato durante questo anno difficile e ai volontari che hanno gestito mesi così complessi, anche a nome del gruppo “Continuità e Rinnovamento”.

L’argomento dell’intervento si è però spostato su alcune cifre del rendiconto: “Ripetiamo anche in questa serata il nostro disaccordo per alcune scelte fatte negli scorsi mesi -ha esordito Bartolo- La vendita del terreno comunale dal valore di 171 mila euro è stata usata per finanziare i lavori delle sponde del laghetto dei Germani (dalla cifra di 120 mila euro): non pensiamo che questo intervento fosse una priorità. Sono arrivati molti contributi e con molta probabilità continueranno fortunatamente, proprio per superare questo momento: richiediamo una condivisione di scelte. Crediamo di aver dato un importante apporto con le nostre osservazioni, come è avvenuto nel caso del rischio idrogeologico, e quindi auspichiamo in una maggiore condivisione“.

Piobesi, al via i lavori al Lago dei Germani per la messa in sicurezza delle sponde

Pronta la replica del vicesindaco Antonio Ghione, che ha ribadito la linea del gruppo di maggioranza “Viviamo Piobesi”. “L’intervento al laghetto fa parte di una visione organica, complessiva e di salvaguardia verso gli impianti sportivi di Piobesi -ha iniziato- È necessaria una visione ampia rivolta verso gli anni passati, in cui abbiamo dato priorità a queste strutture con interventi di valorizzazione: l’obiettivo di questa Amministrazione è di raggiungere il risultato di “amianto zero” nelle strutture comunali entro questa estate e i risultati appaiono confortanti“.

La consigliera Bartolo ha però specificato il proprio intervento, sottolineando come il proprio gruppo non si sia mai opposto alle opere di bonifica dell’amianto. “Ciò che noi avevamo proposto era un uso più ampio del centro sociale, con esigenze aggiornate e non focalizzate esclusivamente sul gioco delle bocce -ha continuato- Per quanto riguarda l’intervento alle sponde del lago dei Germani riteniamo che non fosse una delle esigenze principali dei piobesini: ad esempio si poteva pensare di destinare la somma del terreno venduto per la progettazione delle piste ciclabili“. Il dibattito si è concluso con la votazione per l’approvazione del rendiconto finanziario, che ha visto otto voti favorevoli e quattro contrari.

Il Consiglio comunale è quindi passato a discutere della convenzione tra i Comuni di Candiolo, Castagnole Piemonte, None, Piobesi e Virle Piemonte per i servizi legati alla Polizia municipale, Annonaria, Amministrativa e alla Circolazione Stradale. Il Comune di Scalenghe ha infatti chiesto di farne parte. “Siamo contenti di questa richiesta -ha commentato il sindaco- Ciò dimostra che la convenzione funziona e che non ci sono problematiche: dobbiamo ringraziare il comandante Bosso che è capace e organizzato“.

L’assemblea è proseguita con una variazione al bilancio 2021-2023 e al Documento Unico di Programmazione: si sono registrate infatti delle entrate da parte della Regione Piemonte per il bando “Prevenire, agire in Comune” di cui Piobesi è Comune capofila all’interno del Cisa31, altre per il fondo di solidarietà e ulteriori per l’approvazione del regolamento per il canone di occupazione del suolo pubblico, dell’esposizione pubblicitaria e del canone mercatale. Infine il primo cittadino ha comunicato che il Comune ha acquisito gratuitamente alcune porzioni di via Benedetto Croce per destinarle ad aree di viabilità pubblica: nonostante prima fossero di proprietà privata, queste erano però già sfruttate a strada e parcheggio.

A Piobesi i servizi dello Sportello Amianto nazionale