Covid a Carmagnola, 130 casi (+48%): interviene il sindaco Gaveglio

5118

Registrati oggi a Carmagnola 130 casi di positività al Covid-19, il 48% in più rispetto a due giorni fa. Intervista al sindaco Gaveglio: “Criticità nei nuclei familiari, RSA sotto controllo. L’attenzione è sempre rivolta al San Lorenzo”.

Sindaco Ivana Gaveglio mascherina Covid Coronavirus a Carmagnola
Il sindaco di Carmagnola, Ivana Gaveglio

Sono 130 i casi di positività al Covid-19 registrati ufficialmente nella giornata di oggi, 22 ottobre 2020, a Carmagnola: il 48% in più rispetto a soli due giorni fa, un dato superiore anche alla media territoriale.

Risulta in crescita, parallelamente, pure il rapporto tra in numero di contagiati e i residenti, che ora è di 4,49 positivi ogni mille abitanti, mentre martedì era di 3,04.

A titolo di confronto, in uno dei picchi massimi registrati in città a fine aprile 2020, furono rilevati 251 casi, pari a 8,66 contagi ogni mille abitanti, circa il doppio di adesso.

Sul dato carmagnolese odierno, interviene il sindaco, Ivana Gaveglio: “Il punto non è tanto il numero dei positivi, ma la gravità della malattia: il decorso è sicuramente impegnativo, ma può essere non doloroso e grave. Altra cosa se subentrano complicazioni: ecco perché la nostra attenzione è sempre rivolta al San Lorenzo“.

All’ospedale cittadino, fortunatamente, al momento la situazione è stabile e decisamente più tranquilla rispetto alla scorsa primavera: una trentina i ricoverati, di cui nessuno in rianimazione.

Aggiornamento contagi Covid nel Carmagnolese: +39% in due giorni

Quali sono le maggiori criticità a livello cittadino? “Al momento, l’attenzione è concentrata sui nuclei famigliari -specifica il sindaco- In Carmagnola, a oggi, le RSA sono invece sotto controllo: gli ospiti e gli operatori sono monitorati regolarmente“.

Come procede, in generale, il monitoraggio del virus sul territorio? “Ogni giorno nella nostra città vengono effettuate centinaia di tamponi (al drive-in di piazza Italia e all’hotspot per le scuole di piazza Manzoni, ndr). Inoltre contiamo che i test rapidi, annunciati dalla Regione, possano a breve ridurre le attese, alleggerendo code e laboratori”.

Gaveglio conclude quindi con un appello a tutti i suoi concittadini al rispetto delle regole anti-contagio, a partire dal corretto utilizzo delle mascherine, dal mantenimento delle distanze interpersonali e dalla disinfezione delle mani: “Non dimentichiamo che essere positivi implica automaticamente bloccare noi stessi e chi vive con noi -sottolinea- Ricordiamoci anche sempre che i nostri comportamenti condizionano il tempo di chi ci cura“.

“Il Pronto Soccorso di Carmagnola resterà aperto 12 ore al giorno”