Consiglio comunale a Castagnole, presentato il bilancio 2021-2023

302

Si è tenuto il Consiglio comunale a Castagnole Piemonte: focus della seduta sono state le entrate e le spese che figurano nel bilancio 2021-2023; una delle più importanti è per la nuova rotatoria tra via Tripoli e via Marconi.

bilancio castagnole
Si è tenuto il Consiglio comunale a Castagnole Piemonte: all’ordine del giorno un’importante variazione al bilancio 2021-2023 (foto: Comune di Castagnole Piemonte)

A Castagnole Piemonte si è svolto il Consiglio comunale: nonostante un breve ordine del giorno, le comunicazioni sono state ricche di novità e di informazioni, in particolare riguardo alla variazione al bilancio per il triennio 2021-2023.

Il sindaco Mattia Sandrone ha infatti presentato le cifre più importanti in merito, che erano già state analizzate in una seduta della Giunta comunale. In particolare le novità riguardano l’entrata di oltre quattromila euro come rimborso statale per il patrimonio delle biblioteche: con questa somma è stato possibile acquistare quasi un centinaio di libri per la biblioteca castagnolese.

Si tratta di un vero e proprio finanziamento da parte dello Stato per l’acquisto di testi -ha specificato il primo cittadino- Con ciò abbiamo anche cercato di acquistare libri recenti, come audiolibri e novità“.

Acqua: Acea Pinerolese subentra a Smat a Castagnole, Lombriasco, Osasio e Virle

La seconda entrata consistente riguarda la costruzione di una nuova rotatoria tra via Tripoli e via Marconi e corrisponde a 316 mila euro, anche se l’importo totale dei lavori è di 320 mila euro: i quattromila euro di differenza sono sostenuti dall’Amministrazione castagnolese come forma di cofinanziamento.

Lo studio preliminare è stato già realizzato nel 2016 dalla Città metropolitana di Torino ed è praticamente tutto a carico loro, progettazioni comprese -ha sottolineato Sandrone commentando questa voce del bilancio triennale di Castagnole- Ad oggi l’assetto della rotonda è stato modificato in parte, e comprende anche un abbellimento dell’ingresso del paese; è anche per questi motivi che il quadro economico ha subito delle modifiche“.

Il primo cittadino ha poi presentato altre cifre tra entrate e spese inserite all’interno del bilancio 2021-2023; in primis è stato affrontato il discorso riguardante il bando della Fondazione CRT per la salvaguardia del territorio a cui il Comune di Castagnole Piemonte ha partecipato insieme a quello di Osasio in merito al rischio di inondazioni che da anni affligge le frazioni Oitana e Balbo.

Un progetto per difendere le frazioni Oitana e Balbo dalle alluvioni

Se questo progetto venisse scelto dalla Fondazione CRT, i due Comuni otterrebbero circa 13 mila euro per la realizzazione dei lavori dall’Ente: per raggiungere i ventimila euro del progetto Osasio co-finanzierebbe il tutto al 30% con circa 2.500 euro, mentre Castagnole impegnerebbe tra i cinque e i seimila euro per l’opera.

Tra le entrate si registrano anche 6850 euro dallo Stato come fondo Covid, che il Comune di Castagnole ha utilizzato per l’acquisto di attrezzature per il nuovo polo scolastico; cinquemila euro dal servizio mensa della scuola, che essendo stata chiusa a causa della pandemia ha permesso di avanzare dei fondi; 28 mila euro della Tari tra utenze domestiche e non, che sono utilizzati per il bando rivolto a chi si trova in difficoltà nel pagamento di questa imposta a causa dell’emergenza sanitaria.

Il numero di domande pervenuto per il bando non ha coperto l’intera cifra che avevamo stanziato per questo scopo -ha aggiunto il sindaco castagnolese- Per questo motivo verranno riaperti i termini per presentare la domanda e verrà pubblicato l’avviso in merito anche sul sito“.

Contributi Tari a Castagnole Piemonte, per cittadini e imprese

Per quanto riguarda invece le spese, l’avanzo di Amministrazione che corrisponde a undicimila euro è stato destinato per studi di fattibilità e progettazione (tra cui quelli per la rigenerazione urbana e per l’assetto idrogeologico) e per la sistemazione di impianti.

Altri soldi sono stati accantonati per la tutela dell’ambiente, in particolare per il progetto presentato al bando CRT; ancora seimila euro sono stati usati per la progettazione e direzioni dei lavori: una parte sarà utilizzata per i lavori del bando sopracitato, un’altra per effettuare interventi atti ad accedere ai fondi GSE, che riguardano l’efficientamento energetico del nuovo polo scolastico.

Altri fondi ancora sono stati messi da parte per l’acquisto di tendaggi e divisori per i bagni della nuova scuola dell’infanzia, oltre all’acquisto di arredo scolastico. I già citati 28mila euro sono e continueranno ad essere destinati ai bandi della Tari e inoltre parte dei contributi forniti dallo Stato sono stati utilizzati per sostenere le spese per i servizi di mensa e doposcuola: “In questo modo è stato possibile ampliare i servizi che già erano previsti a scuola e anche calmierare i loro costi che in precedenza erano decisamente più onerosi“, ha ricordato il sindaco.

A Castagnole il nuovo anno scolastico è ricco di novità nei servizi

Discorso a parte è stato quello riguardante le cifre derivanti dalle sanzioni amministrative. Il primo cittadino Mattia Sandrone ha anche ricordato tra le varie entrate quasi ventimila euro legate a ciò: “A fronte della convenzione con la Città Metropolitana di Torino il 50% delle sanzioni sulla strada provinciale deve essere devoluto all’ex Provincia per la manutenzione delle strade -ha spiegato Sandrone- 18mila euro quindi andranno a Città Metropolitana, duemila euro circa a None che è Comune capofila della convenzione“.

In merito a questo argomento è intervenuto il consigliere Sergio Nidola, che ha sottolineato come vengano controllati i comportamenti scorretti ma sarebbe necessario anche richiamare l’ex Provincia per la messa in sicurezza delle strade (ad esempio il taglio dell’erba), anche perché l’Amministrazione viene così vista negativamente per le sanzioni quando metà delle entrate sono in realtà destinate all’altro Ente.

Sergio Nidola nominato nuovo presidente del consorzio CISA 31