Svelati i “Maestri del Gusto” 2023-2024 del territorio carmagnolese

135

Camera di Commercio di Torino e Slow Food hanno annunciato i “Maestri del Gusto” 2023-2024. Ecco i rappresentanti del territorio: sono di Carmagnola, La Loggia, Pancalieri, Piobesi Torinese, Poirino, Pralormo e Santena.

maestri del gusto 2023 2024
La copertina della guida ufficiale “Maestri del Gusto” 2023 2024

La Camera di Commercio di Torino e Slow Food Italia hanno annunciato i 222 “Maestri del Gusto” di Torino e provincia per il biennio 2023-2024: tra questi, alcune realtà di Carmagnola e del territorio, selezionate attraverso rigidi parametri.

Ecco chi ha ricevuto il prestigioso riconoscimento nei vari Comuni del Carmagnolese e la relativa categoria di appartenenza:

  • Carmagnola: Consorzio del Peperone, nella categoria aziende agricole; pasticcerie Di Claudio e Molineris; Antica Torrefazione del Centro dei fratelli Mina, in via Valobra.
  • La Loggia: aceteria Varvello – L’aceto reale.
  • Pancalieri: aziende agricole Chialvamenta ed Essenzialmenta.
  • Piobesi Torinese: macelleria Gramaglia.
  • Poirino: azienda agricola Cascina Rubino; agrigelateria San Pé; panetteria Fabaro (frazione Avatanei).
  • Pralormo: azienda agricola Cascina Savoiarda; Cascina Bosco d’Orto (nella categoria casari).
  • Santena: macelleria Crivello.
maestri del gusto 2023 2024
I fratelli Mina dell’Antica Torrefazione del Centro, in via Valobra, a cui è stato assegnato titolo di “Maestri del Gusto” 2023-2024, riconfermando i riconoscimenti già ottenuti negli anni passati

Da oltre vent’anni la Camera di Commercio di Torino e Slow Food Italia, con la collaborazione del Laboratorio chimico camerale per gli aspetti igienico-sanitari, selezionano i migliori testimoni del gusto del Torinese, nella produzione, nell’agricoltura, nel commercio e nel mondo artigiano -spiegano i promotori di “Maestri del Gusto” 2023-2024- L’obiettivo è offrire spunti a chi è curioso e appassionato di sapori, per un viaggio goloso attraverso antiche tradizioni e proposte insolite. I Maestri, suddivisi in 26 categorie, danno vita a una comunità di imprese e persone pronte a collaborare, a fare rete e a lavorare per prodotti locali buoni, puliti e giusti. Sono imprenditrici e imprenditori che, con la passione per la genuinità e la qualità dei loro prodotti, portano nel cuore della nostra enogastronomia di eccellenza“.

Fiera del Peperone 2022, superati i 300 mila visitatori in dieci giorni

Le candidature di questa edizione si sono aperte nel 2021: gusto e tipicità sono alla base della valutazione, che da questa edizione ha anche iniziato a verificare alcuni aspetti etici e amministrativi di ogni azienda.

Al Laboratorio chimico, invece, il compito di valutare gli aspetti igienico sanitari, ma non solo. Le aree oggetto di verifica sono state negli anni ampliate: igiene e autocontrollo alimentare, ma anche comunicazione e informazione al consumatore e la sostenibilità ambientale.

Tutti i premiati al Concorso del Peperone 2022 di Carmagnola

Le visite si svolgono in modo programmato, ma spesso anche a sorpresa e in incognito, con il prelievo di campioni per la verifica sia di parametri di igiene, sia di parametri merceologici -spiegano dal Laboratorio chimico della Camera di CommercioL’obiettivo è uno solo: non dare un voto o una pagella, ma intraprendere con le aziende un percorso di miglioramento continuo, che va dal basilare rispetto dei requisiti di legge alla maggior consapevolezza nell’applicazione di procedure necessarie a garantire la salubrità dei prodotti, fino all’anticipazione di alcune norme previste dalla futura legislazione, come lo smaltimento degli imballaggi“.

Spagna, stop agli imballaggi di plastica per frutta e verdura dal 2023

Commenta Dario Gallino, presidente della Camera di Commercio di Torino: “In questa edizione crescono i numeri e cresce la qualità dei nostri Maestri, che affrontano ogni due anni una selezione sempre più severa e ampia. Con piacere registriamo sempre più frequentemente, anche in giovanissimi imprenditori, la ricerca accurata dell’eccellenza, abbinata all’innovazione“.

Diventare “Maestro del Gusto” rappresenta un traguardo, ma anche una responsabilità, oltre a essere un percorso di crescita continua e ad offrire occasioni di promozione a livello nazionale e internazionale.

Gli eventi che coinvolgono i Maestri del Gusto sono comunicati tramite il sito ufficiale e sulle pagine Facebook e Instagram a loro dedicate.

Firmato l’accordo per il Distretto del Cibo del Carmagnolese