Nuovo CdA del Cisa 31, Franco Alberto alla guida del Consorzio

271

L’osasiese Franco Alberto, vice-presidente uscente, è stato eletto al vertice del Consorzio socio-assistenziale CISA 31. Rinnovato tutto il CdA, con i carmagnolesi Margherita Toschino e Piergiorgio Sola.

franco Alberto cisa
Franco Alberto, 64 anni, di Osasio, è stato eletto presidente del Consorzio socio-assistenziale CISA 31 per i prossimi cinque anni

I sindaci degli otto Comuni che compongono il CISA 31 hanno scelto Franco Alberto quale nuovo presidente del Consiglio di Amministrazione del Consorzio socio-assistenziale per i prossimi cinque anni.

Nel rinnovato CdA lo affiancheranno la consigliera carmagnolese Margherita Toschino (sua vice), Cinzia Casalnuovo, Andrea Pederzani e Piergiorgio Sola.

Infermiere di prossimità a Carmagnola, nuovo progetto del Cisa 31

Alberto, 64 anni, vive a Osasio ed è già stato vice-presidente del CISA 31 negli ultimi sei mesi, sotto la guida di Vincenzo Inglesegrazie alla cui competenza e disponibilità ho potuto crescere, entrando nei meccanismi consortili», sottolinea).

Bancario in pensione, è stato esponente sindacale per una sigla autonoma, volontario Cri e collaboratore della Polisportiva carignanese. Nei decenni scorsi ha ricoperto il ruolo di consigliere e assessore nel Comune di Osasio, eletto in una lista civica.

«Anche da presidente del Consorzio non voglio rappresentare una parte politica: ringrazio il sindaco Silvio Cerutti per avermi proposto e tutti gli altri sindaci proprio per aver accettato la mia candidatura in tal senso -commenta- Il mio obiettivo è fare iniziative utili per il sociale e mettermi al servizio degli altri».

Dal Cisa 31 un bando per aiutare le famiglie numerose

Il suo mandato seguirà le linee guida indicate dai Comuni, tenendo conto della situazione socio-economica in peggioramento, con aumento di persone fragili che devono essere seguite dai servizi del CISA (a parità di risorse).

«Ovviamente proseguiremo con tutti i servizi già attivi, a partire dai bandi per il sostegno economico -afferma Alberto- Vorrei però anche introdurre alcune novità, a partire dal Pronto Intervento Sociale: un progetto già finanziato con lo scorso CdA, che sarà avviato nel 2023 con una centrale operativa h24 ogni giorno, per dare assistenza immediata quando necessario, ad esempio nei casi di violenza domestica».

La Regione ha approvato il disegno di legge “Allontanamento zero”

Potenziamenti in vista anche per le famiglie, con servizi di mediazione in caso di separazione, consulenze legali gratuite e maggiori investimenti per i rapporti genitori/figli, anche nell’ottica della nuova legge “allontanamento zero”.

Tra le priorità di Alberto e del nuovo CdA anche l’incremento dell’organico del CISA 31, diminuendo gli appalti, «in modo da garantire un maggiore legame con gli assistiti, dando continuità»; più formazione per il personale interno e il lancio di tirocini, in collaborazione con le Università, per aiutare i giovani ad aumentare le proprie competenze in vista dell’ingresso nel mondo del lavoro.

Nuovo CdA del Cisa 31, centrosinistra all’attacco: “tutto già deciso?”