Risparmio energetico: il Comune di Carmagnola prende misure contro il caro-bollette

663

Con diversi provvedimenti, legati sia ai consumi di energia elettrica che di gas, il Comune di Carmagnola interviene per il risparmio energetico nelle strutture pubbliche, con l’obiettivo di contenere i costi delle bollette.

risparmio energetico comune di carmagnola
Tra gli interventi di risparmio energetico messi in atto dal Comune di Carmagnola vi è anche lo spegnimento dei fari alti che illuminano piazza Sant’Agostino

Oltre all’ordinanza che posticipa al 2 novembre l’accensione degli impianti di riscaldamento privati, il Comune di Carmagnola sta prendendo una serie di misure per il risparmio energetico, per affrontare il caro-bollette legato direttamente alle proprie strutture, sia per quanto riguarda l’elettricità che per il gas.

L’Amministrazione ha innanzitutto chiesto a EnelX -gestore dell’illuminazione pubblica– alcuni provvedimenti per contenere il consumo di energia elettrica.

Carmagnola: i termosifoni restano ancora spenti fino al 2 novembre

Tra questi, in primis, l’anticipo di 20 minuti dello spegnimento di tutte le luci pubbliche al mattino; quindi alcuni provvedimenti puntuali, come la diminuzione dell’illuminazione delle torri-faro in piazza Olimpiadi, dei fari (interni ed esterni) nella tettoia di piazza Martiri e lo spegnimento dei fari alti in piazza Sant’Agostino.

Prevista anche la diminuzione delle luci alte in via Valobra durante gli orari in cui è in vigore la ZTL; restano invece ovviamente accese le lampade sotto i portici, che di recente sono state tutte convertite a Led.

Stiamo valutando anche la riduzione dell’illuminazione in viale Barbaroux e altri possibili interventi specifici -specifica il sindaco, Ivana Gaveglio- Tutto questo sempre nel rispetto delle norme del codice della strada, in modo da garantire la sicurezza“.

Carmagnola: arrivano i led e si potenzia l’illuminazione di via Valobra

Ridotte anche le luci di proprietà diretta del Comune. Al parco di Cascina Vigna è stato installato un timer che terrà accese le luci solamente fino all’orario di chiusura del parco (alle 23 fino al 31 ottobre; le 19 dal 1° novembre).

Spenti anche i fari presenti sulla facciata del municipio che illuminano i giardini Unità d’Italia, al pari dell’illuminazione esterna dell’asilo Ronco e della scuola primaria Rayneri. In via don Milani, l’area di sgambamento cani resterà illuminata solamente fino all’una di notte.

Scuole superiori: bagni, laboratori, corridoi e palestre a 17 gradi

Sempre in tema di scuole -dato che gli edifici di Infanzia, Primaria e medie sono di proprietà e gestione comunale- è stato fatto un incontro con le dirigenti scolastiche dei tre Istituti comprensivi, che dal 2 novembre chiuderanno alle 17:30, salvo la presenza di attività in presenza già calendarizzate dopo tali orari.

In questo modo non andiamo a toccare l’attività didattica, che termina sempre alle 16, ma tutte le attività funzionali all’insegnamento, come il lavoro di uffici e personale ATA, verranno organizzate in modalità diverse rispetto a quelle attuali, consentendo anche un risparmio di luce e gas per due ore al giorno“, sottolinea il vicesindaco Alessandro Cammarata, assessore all’Istruzione.

Caro energia: la Piscina di Carmagnola aumenta le tariffe per non chiudere

Sempre dal 2 novembre saranno ridotti anche gli orari e le temperature per quanto riguarda le palestre comunali, in conformità alle norme nazionali (DM Cingolani).

Abbiamo chiesto alle dirigenti di venire incontro al Comune per fare fronte ai rincari energetici e hanno garantito la loro collaborazione, per affrontare insieme questa situazione di emergenza -aggiunge Cammarata- Sulla base dei costi valuteremo se queste misure saranno sufficienti o se occorrerà rafforzare ulteriormente queste pratiche, che restano comunque virtuose”.

Caro-energia e inflazione preoccupano commercianti e artigiani di Carmagnola

Altri interventi, sempre per ridurre i consumi di energia elettrica, riguardano la sostituzione di neon e lampadine a incandescenza con quelle a Led, decisamente più efficienti, in municipio e in diversi edifici per i quali il Comune paga (almeno in parte) le bollette.

Abbiamo già migliorato l’illuminazione nella scuola primaria di San Giovanni e nella scuola dell’infanzia Mirò, nelle prossime settimane sarà la volta delle scuole di Casanova e San Michele -dettaglia il vicesindaco- Analogo intervento anche in molti centri di incontro: dal De Gasperi al Bruno Longo, dal Circolo Edera al Polisport. Con alcuni abbiamo anche trovato l’accordo per la chiusura al mattino“.

Mezzo milione per riqualificare il Palazzetto dello Sport di Carmagnola

A breve si interverrà sui consumi del Palazzetto dello Sport, un edificio molto energivoro, mentre stanno già dando i loro frutti le riqualificazioni energetiche effettuate, nel corso degli ultimi anni, in svariati edifici scolastici.

Con i lavori svolti nello scorso quinquennio abbiamo migliorato le performance energetiche della scuola dell’infanzia Sant’Anna, della primaria Rayneri, della scuola media di corso Sacchirone inclusa la palestra, oltre a interventi di sostituzione infissi e valvole a San Bernardo e Salsasio e al rifacimento del tetto della scuola media ex Nosengo di via Marconi, alla scuola dell’infanzia Mirò e all’asilo nido -conclude Cammarata- Tutti questi interventi ci consentono oggi di avere costi assai più ridotti: si è trattato di una scelta lungimirante“.

Rinnovabili e risparmio energetico, un binomio perfetto di sostenibilità