Siccità, agricoltura e allevamento a Carmagnola: parla l’assessore Gerbino

198

“La ricchezza d’acqua nel sottosuolo sta tutelando l’agricoltura a Carmagnola, nonostante la siccità”: l’assessore Roberto Gerbino fa il punto della situazione, tra cali di produzione, criticità sul fronte dei prezzi e difficoltà per il settore zootecnico.

siccità agricoltura allevamento carmagnola
Un campo di mais nei pressi di frazione San Michele, a Carmagnola: l’assessore all’agricoltura Roberto Gerbino fa il punto sugli effetti della siccità e del calore estivo

L’estate 2022 è la più torrida degli ultimi anni (…o la più fresca dei prossimi anni, secondo un altro punto di vista) e la siccità sta colpendo diverse aree del Piemonte: quali sono le conseguenze per l’agricoltura e l’allevamento a Carmagnola?

L’assessore Roberto Gerbino, professione coltivatore diretto, fa il punto della situazione con “Il Carmagnolese”, delineando un quadro con diverse criticità ma anche senza imminenti problemi eclatanti.

Carmagnola prega contro la siccità con una processione fino al Po

Per ora il nostro territorio non sta soffrendo particolarmente la crisi idrica, grazie alle ricche riserve d’acqua che abbiamo nel sottosuolo, che stanno agevolando la produzione agricola -esordisce- Ovvio che con picchi di temperature oltre i 40 gradi, soprattutto nelle serre il calore si sente e le piante ne patiscono, però i prezzi all’ingrosso per ora tengono e si riesce tutto sommato a compensare la minore produzione“.

I dati forniti da Gerbino sono delle stime che fotografano in modo accurato lo stato delle principali coltivazioni: -20% di produzione per i peperoni, -20% per il mais, -30% per il grano, con picchi del -50% in alcuni terreni più sabbiosi.

Siccità in Piemonte, la crisi climatica si fa reale: mai viste scene così

Per i nostri agricoltori la partita al momento si gioca soprattutto sul fronte dei prezzi, visto che alla minore produzione va abbinato, quest’anno, anche un rincaro dei costi di produzione, su molti fronti: dalle spese per il gasolio a quelle per i nylon delle serre, ma anche per concimi e sementi“, dettaglia l’assessore.

E prosegue: “Ovviamente stiamo anche bagnando più del solito: per questo, se i prezzi all’ingrosso dovessero abbassarsi rispetto alle quotazioni attuali, non si rientrerebbe di quanto speso“.

Gasolio agricolo a prezzo agevolato per gli agricoltori del Piemonte

Nessun allarme, invece, sul fronte della qualità, neppure per il prodotto agricolo simbolo del territorio carmagnolese: il peperone. “Ci sarà comunque un buon raccolto per la Fiera di settembre -assicura Gerbino- Anche la prima raccolta, nonostante il caldo patito dalle piante nelle parti superiori, ha permesso di avere ottimi prodotti“.

Per quanto riguarda il prezzo di vendita, oggi ai mercati generali il peperone carmagnolese è quotato tra i 2 e i 2,50 euro, a fronte di 1,30-1,50 delle scorse stagioni. “Sicuramente un bene per gli agricoltori, che possono così rientrare delle maggiori spese e della minor produzione“, commenta Gerbino.

Fiera del Peperone di Carmagnola, presentata l’edizione 2022

Difficoltà si registrano per i margari e, in generale, per il settore zootecnico: “Con il protrarsi della siccità non vi è abbastanza erba in montagna e devono integrare con il fieno comprato in pianura, dove la poca produzione ne ha triplicato il prezzo.

E non solo: “Un’altra criticità potrà esserci in autunno, soprattutto sul lato dei costi, per chi dovrà provvedere agli insilati per l’inverno“.

Agricoltura e Ambiente, le sfide da assessore di Roberto Gerbino

E per gli anni a venire? Quali soluzioni suggerisce l’assessore all’agricoltura qualora le torride e siccitose estate dovessero ripetersi con continuità in futuro, a causa dei cambiamenti climatici?

Come dimostra proprio il peperone, un grande aiuto viene dall’utilizzo delle manichette per l’irrigazione, che permettono di ottimizzare l’utilizzo di acqua, senza sprechi –sottolinea– Andrebbero applicate anche ad altre coltivazioni, a partire dal mais, anche se in questo caso servirebbero dei contributi statali o regionali alle aziende agricole, soprattutto a quelle di piccole e medie dimensioni, per realizzare gli impianti“.

Le coltivazioni di pomodori sono in pericolo a causa dei cambiamenti climatici

Ma l’aumento delle temperature estive non significa solo siccità tra i rischi per l’agricoltura … “Per questo abbiamo proposto che il neonato Distretto del Cibo del Chierese e del Carmagnolese faccia degli investimenti per affrontare i problemi oggi esistenti in campo agricolo e studiare come prevenire quelli futuri -aggiunge Gerbino- Non serve investire solo in immagine: la tutela e la valorizzazione delle produzioni tipiche deve partire dai campi“.

Lo stato di calamità naturale chiesto dalla Regione per l’agricoltura piemontese può essere anche d’aiuto? “Purtroppo, in questi casi, gli aiuti vanno soprattutto a chi produce grandi quantità, mentre i piccoli produttori spesso non riescono ad accedere ai contributi. In ogni caso la soluzione migliore è sempre quella di aiutare il mondo agricolo a sviluppare soluzioni, anziché risarcire i danni“.

Apicoltura e siccità, effetti disastrosi per le api