Pampaloni: “tante nuove idee per Carmagnola, ascoltando i consigli e le segnalazioni di tutti”

359

Intervista all’assessore Massimiliano Pampaloni, tra deleghe in Giunta e “presidio” dei social: “ecco le mie idee per Carmagnola”.

Pampaloni Carmagnola
Massimiliano Pampaloni, a destra, con il presidente regionale Alberto Cirio durante una sua visita a Carmagnola (foto Facebook)

“Il Carmagnolese” prosegue con le interviste agli assessori della nuova Giunta Gaveglio, per approfondire il programma e le idee per Carmagnola nel prossimo quinquennio: questo mese è la volta di Massimiliano Pampaloni, 510 preferenze personali conquistate alle ultime elezioni con la Lega, che gli sono valse la riconferma all’interno dell’Esecutivo cittadino, con ulteriori incarichi, oltre a rappresentare la città nel nuovo CdA del Consorzio Chierese per i Servizi.

Carmagnola, nuova Giunta Gaveglio: tutte le deleghe agli assessori

Il sindaco le ha nuovamente assegnato le deleghe precedenti e ne ha aggiunte due di particolare rilevanza: l’Urbanistica e le Politiche sociali e giovanili. Partiamo da quest’ultima: quali sono le problematiche che si trova a dover affrontare, nei vari ambiti, e quali “ricette” propone?
Le Politiche sociali costituiscono sempre un compito importante ma in questa epoca lo sono ancora di più, a causa delle nuove difficoltà aggiunte dalla pandemia. In questi primi due mesi abbiamo predisposto progetti di lavoro per almeno 25 persone, investito quasi 15 mila euro per creare borse lavoro destinate a soggetti disabili, ci siamo convenzionati per cinque anni con il tribunale di Asti per lo sconto delle pene accessorie in cambio di lavori in città. Molto forte è il problema della mancanza di lavoro che, anche grazie alla fine del blocco degli sfratti, acutizzerà il problema della casa per molte famiglie. Stiamo mettendo in cantiere grandi progetti che riguardano giovani ed emergenza abitativa.

Lavori di pubblica utilità: accordo tra Carmagnola e Tribunale di Asti

Veniamo ora alla seconda nuova delega “di peso”, quella all’Urbanistica. Quali sfide vi attendono e che indirizzo politico intende dare in tale settore?
Credo che la sfida più rilevante sarà il nuovo piano regolatore: essendo un argomento sensibile e molto delicato, ho chiesto di potermi avvalere del sostegno di professionisti non operanti in città disponibili nel mettere a disposizione di tutti la loro esperienza. Non ho mai creduto all’esistenza di tuttologi onniscienti e quindi chiedo e ascolto volentieri i consigli di tutti, anche se poi le decisioni spettano alla parte politica. I tempi del consumo bulimico del suolo sono terminati: ora si recuperano le aree dismesse, cercando di favorire l’occupazione.

Carmagnola, cercasi collaboratori volontari per lo staff di sindaco e assessori

Tornando invece alle deleghe confermate, vi è quella all’Igiene urbana, che comprende la delicata partita del servizio di raccolta dei rifiuti e della pulizia della città. Su quali aspetti concentrerà l’attività nei mesi a venire? Sono previste novità, anche sul fronte deiezioni canine?
Tra le molte cose fatte nei cinque anni precedenti, certamente la pulizia della città risulta essere uno dei fiori all’occhiello. Colgo l’occasione per ringraziare dell’impegno profuso tutti i lavoratori della De Vizia e del Coordinamento del Comune per lo spazzamento del centro città in autonomia (per capirsi, i carretti). Il mio obiettivo è stato quello di di far sentire le strade di Carmagnola come parte della loro casa e di occuparsene di conseguenza e i risultati si vedono. Cercheremo di migliorare i servizi e chiedo ai cittadini di segnalare i malfunzionamenti a urp@comune.carmagnola.to.it e le mancate raccolte dei cassonetti in esposizione allo 011-9414343. Epidemia permettendo, dopo le feste inizierà l’iter di completamento della mappatura del Dna dei cani e inizieranno i controlli anche su questo tema.

A Carmagnola si amplia lo spazzamento manuale in centro e nei borghi

Un altro ambito è quello dello Sport, nel quale in passato ha promosso svariate iniziative anche innovative. Ci anticipa i punti salienti di questa delega, conferme ed eventuali nuovi progetti?
Carmagnola vanta un’attività sportiva molto frizzante, associazioni di grande qualità con le quali sono stati raggiunti obiettivi impensabili solo cinque anni fa; ora la grande sfida sarà quella di migliorarci, tutti. Le idee ci sono ma ne aspettiamo altre nuove da ogni soggetto coinvolto: il mio compito rimane quello di dar loro gambe. Per adesso lavoriamo per aumentare i fondi del Buono Sport, realizzare la nuova palestra per la scuola alla Vigna, ripartire con la StraCarmagnola, creare altri due campi da paddle. Inoltre progettiamo, per un futuro non lontano, un campo da beach-volley riscaldato, stiamo cercando di rendere stabile l’ampliamento di orario della nostra piscina e abbiamo in animo di ampliare i 35.000 metri quadri dentro Carmasport. Progettiamo anche un portale web per l’aggiornamento costante dei risultati sportivi di tutte le associazioni e squadre cittadine.

Buono Sport Carmagnola: 138 domande per il bando 2021-2022

Il suo Assessorato comprende infine diversi altri ambiti, tra cui i rapporti con il pubblico e la digitalizzazione. Che sfide la attendono, come amministratore comunale?
Portare a regime il nuovo sistema di tracciabilità delle segnalazioni all’Urp è stato un lavoro enorme; ora ci consente seguire ogni segnalazione effettuata dai cittadini, mentre prima molto si perdeva nel nulla. La perfezione risulta ancora molto distante e probabilmente non la raggiungeremo mai, ma garantiamo miglioramenti costanti. Per quanto riguarda la sicurezza dei dati sensibili, non passa giorno senza che qualche Ente pubblico venga attaccato da pirati informatici. In questo campo ci avvaliamo ormai da cinque anni del prezioso supporto dell’ingegner Delmondo, un professionista molto stimato, che ha lavorato in team con i nostri uffici e portato innovazione e risparmi economici.

Consorzio Chierese per i Servizi, eletto il nuovo CdA

Uscendo infine dalle deleghe formali, c’è un’azione che tutti le riconoscono aver svolto con costanza negli anni passati: il “presidio” dei social, raccogliendo le svariate segnalazioni dei cittadini e dando risposte puntuali alle domande più diverse. Pensa di continuare a svolgere questo compito con assiduità? Ritiene che sia importante, al giorno d’oggi?
Sento molto la responsabilità del mio ruolo di assessore e, per questo, sono disposto a mantenere un dialogo costante con i cittadini, che mi possono raggiungere quando vogliono e all’ora che vogliono, tramite Facebook e Messenger. E lo fanno proprio a tutte le ore, mi creda! Cerco di fare del mio meglio, spesso salgo in macchina e raggiungo una perdita d’acqua oppure un tombino aperto ma anche un animale ferito oppure un abbandono di rifiuti. Per fortuna, la percentuale di cafoni o maleducati è molto bassa. Nessuno mi obbliga a prestare servizio su i social e nessuno potrebbe pretenderlo ma io ho intenzione di continuare a farlo, perché per me è come prendere la temperatura a un paziente: mi accorgo subito se c’è qualche febbre in circolazione e intervengo, evitando che la situazione possa peggiorare.

Pampaloni è il nuovo commissario cittadino della Lega a Carmagnola