Carmagnola: quali soluzioni per il traffico a San Michele e San Grato?

773

Due interpellanze di M5S e PD in Consiglio comunale hanno riguardato la situazione del traffico nelle borgate San Michele e San Grato di Carmagnola.

traffico San Michele carmagnola
Via Palazzotto è una delle strade critiche per la viabilità a San Michele: al vaglio l’ipotesi di riaprirla a doppio senso di marcia

Il tema del crescente traffico nelle borgate San Michele e San Grato ha interessato il Consiglio comunale di Carmagnola, grazie a due interpellanze da parte delle opposizioni discusse nel corso dell’ultima seduta.

Da sempre i residenti denunciano il problema, viste anche le strette strade presenti in queste frazioni e l’eccessiva velocità di molti veicoli che le attraversano -ha sottolineato il Movimento 5 Stelle, tornando su un argomento già sollevato in passatoOccorre anche sistemare e mettere in sicurezza gli incroci più pericolosi, far rispettare i limiti già presenti e studiare un progetto di mobilità sostenibile, inserito nel contesto globale cittadino“.

I consiglieri pentastellati hanno ripreso alcune richieste già formalizzate da alcuni abitanti dei borghi, tra cui l’installazione di telecamere all’ingresso di via Carignano dall’ex Statale 20 e di rilevatori di rumore, oltre a maggiori controlli sul rispetto dell’ordinanza anti-Tir, creazione di passaggi pedonali protetti e aree di sosta sicure.

Carmagnola: ospedale, San Michele e sottopasso tra i temi del Consiglio

Un intervento di riorganizzazione, secondo il M5S, è necessario anche per quanto riguarda il sagrato della chiesa e la sistemazione della piazza Santa Maria di Viurso, per andare incontro alle necessità dei residenti.

Analoga l’interpellanza del Partito Democratico: “Molte richieste sono state fatte da tempo ma non sono state finora prese in considerazione dell’Amministrazione“. I consiglieri di opposizione hanno anche chiesto la revoca delle sanzioni per divieto di sosta a carico dei residenti.

A rispondere è stata direttamente il sindaco Ivana Gaveglio. “Intendiamo incontrare i residenti di San Michele e San Grato in un incontro pubblico, entro il mese di luglio, per discutere direttamente le problematiche sollevate e trovare soluzioni condivise“, ha esordito, ricordando il percorso partecipativo già realizzato nel 2018, che ha portato all’installazione dei dossi, della segnaletica e dei restringimenti della carreggiata.

Carreggiata ridotta a San Michele “per la sicurezza”

Gaveglio ha quindi ricordato come alcuni degli interventi richiesti siano già stati realizzati nel corso degli ultimi mesi, a partire dalla telecamera di lettura targhe installata in via Palazzotto, utile anche a individuare che percorre la strada contromano, e dai lavori per la messa in sicurezza di alcuni percorsi ciclo-pedonali.

Nel corso del 2021 sono stati effettuati finora 34 posti di controllo, in media uno ogni quattro giorni, soprattutto nelle vie Braida, Carignano, San Lorenzo e piazza Santa Maria di Viurso -ha aggiunto il sindaco- Abbiamo controllato 292 veicoli con carico superiori alle 3,5 tonnellate e 55 sanzioni elevate: gran parte dei mezzi pesanti in transito risulta autorizzata e non basta, quindi, la sola ordinanza anti Tir“.

Sono in corso i lavori di ripristino di tre dossi, oltre al posizionamento di un nuovo rallentatore su via Carignano, all’altezza di via Ilaria Alpi, con attraversamento pedonale rialzato.

Carmagnola: riqualificazione per la piazza di frazione San Michele

Per ridurre l’inquinamento acustico, limitare le vibrazioni e migliorare la sicurezza stradale abbiamo già rifatto alcune parti del fondo stradale -ha proseguito Gaveglio- L’incrocio tra via Carignano e via Salsasio sarà invece reso più sicuro abbassando le strade che vi si affacciano“.

Altri lavori sono in previsione con i fondi del bilancio 2021, a partire dalla revisione della viabilità sulla piazza principale, nonché ulteriori interventi di messa in sicurezza delle piste ciclo-pedonali.

Infine, per quanto riguarda la questione delle multe ai residenti, il sindaco ha riportato il messaggio della comandante della Polizia locale, la quale ha ricordato come il rispetto delle norme sia necessario da parte di tutti.

“Troppo traffico a San Michele e San Grato”, la denuncia del M5S

Nella risposta al sindaco, il capogruppo PD Paolo Sibona, ha aggiunto alcuni spunti legati ai futuri progetti per San Michele e San Grato: “Occorre valutare con attenzione la reintroduzione in via Palazzotto del doppio senso di marcia, così come riporto la preoccupazione di alcuni residenti rispetto alle conseguenze che potrà avere la costruzione della rotonda sull’ex Statale 20, che rischia di aumentare ancora l’utilizzo delle frazioni come viabilità alternativa al passaggio in Carmagnola“.

Non è mancato un ritorno su un tema caro ai Dem, l’autovelox fisso all’ingresso di Salsasio: “Da quando è attivo, sempre più automobilisti decidono di passare sulle strade di San Michele e San Grato per evitarlo, aumentando così ancora il traffico nei due borghi“.

Carmagnola: il Movimento 5 Stelle sostiene Angelo Elia “per il cambiamento della città”