Stop alla tangenziale di Carmagnola? Il sindaco Gaveglio rimane ottimista

785

Il sindaco di Carmagnola resta ottimista dopo il mancato inserimento della tangenziale di Carmagnola nell’elenco degli interventi prioritari per la grande viabilità del Piemonte: “La Regione mi ha confermato il valore dell’opera”.
Plausibile un errore di comunicazione alla base del clamoroso stop?

Fase 2 a Carmagnola Sindaco Ivana Gaveglio mascherina Covid Coronavirus tangenziale di Carmagnola
Il sindaco di Carmagnola, Ivana Gaveglio

Ore convulse per il sindaco di Carmagnola, Ivana Gaveglio, che dopo un confronto con la Regione Piemonte, resta ottimista sulla futura realizzazione della tangenziale cittadina, nonostante la “doccia fredda” dovuta all’esclusione dell’opera da un primo elenco di interventi prioritari reso noto ufficialmente sui canali regionali sulla base delle indicazioni fornite dalle Province.

La tangenziale di Carmagnola è stata inserita nell’elenco che ogni Zona omogenea ha presentato alla Città metropolitana di Torino per il piano triennale degli investimenti sulla viabilità piemontese, dopo un lavoro attento e condiviso con i Comuni limitrofi -afferma il sindaco- I criteri richiesti dalla regione Piemonte per definire prioritaria l’opera calzano tutti in modo assolutamente significativo sulla nostra tangenziale“.

Grande viabilità in Piemonte, Carmagnola resta indietro?

A Gaveglio, nel leggere il documento presentato in conferenza stampa della Regione, è quoindi sorto il forte dubbio su quanto inviato dalla Città metropolitana: un semplice elenco o una graduatoria di opere?

“Noi siamo la Zona omogenea 11 in Città metropolitana e le prime otto opere inserite nel piano sono esattamente le prime otto della stessa lista in cui noi siamo undicesimi perché i progetti vengono elencati in ordine progressivo di zona omogenea“.
Gaveglio evidenzia inoltre come vi siano addirittura alcune Zone omogenee (la 1, la 2 e la 4) che, avendo presentato due proposte, vedono inserite entrambe le opere.

Il documento provinciale trasmesso in Regione, che “Il Carmagnolese” ha avuto modo di visionare, vede infatti la presenza della tangenziale di Carmagnola, per l’intero suo percorso -ovvero collegando le Provinciali 661 (direzione Sommariva Bosco-Bra), 393 (Villastellone) e 20 (Carignano)- e un valore complessivo di 30 milioni di euro.
Questo andrebbe pertanto a confermare pienamente la teoria del sindaco.

Variante Est: sopralluogo del presidente Cirio a Carmagnola

Ritengo quindi legittimo pensare che ci sia stata poca chiarezza nella comunicazione delle opere da inserire e ho chiesto pertanto ai consiglieri Bianco e Grosso di fornire spiegazioni su questo aspetto, così come ho chiesto in Regione di approfondire il tema -conclude il sindaco- La Regione, che ha sempre dichiarato il valore di quest’opera che ricade su Carmagnola ma produce benefici sulle tre province di Torino, Cuneo e Asti, me lo ha ancora confermato, anche a seguito della presentazione di questo primo elenco“.

Gaveglio, pertanto, resta fiduciosa in merito all’esito dell’incontro di mercoledì prossimo del Tavolo sulla Viabilità, dove l’assessore regionale Gabusi si confronterà proprio con la Città metropolitana di Torino, “perché le opere che sceglierà la Regione possano realmente far ripartire il Piemonte“.

Qualità dell’aria, i luoghi più inquinati di Carmagnola e Carignano