Anche la Camera dei Deputati discute la petizione anti-nucleare a Carmagnola

319

Dopo il Senato, anche la Commissione Ambiente della Camera dei Deputati si appresta a discutere della petizione contro il deposito nucleare a Carmagnola.

Raccolta firme contro nucleare deposito di rifiuti radioattivi a Carmagnola petizione Camera
A Carmagnola le firme sono state raccolte e convalidate dagli assessori e dai consiglieri comunali, di tutte le forze politiche

Anche all’interno Commissione Ambiente della Camera dei Deputati, analogamente a quanto avvenuto in Senato, si discuterà dell’ipotesi di realizzare a Carmagnola il deposito nucleare nazionale, prendendo in esame la petizione inoltrata dal Comitato civico e dal Comune.

La raccolta firme -forte di oltre 13 mila sottoscrizioni, provenienti da Carmagnola e dai Comuni limitrofi- è stata annunciata all’Assemblea nella seduta dello scorso 26 agosto, sotto la presidenza del vice-presidente on. Fabio Rampelli, per essere poi assegnata alla Commissione competente in materia, dove verrà presa in esame nel merito.

Arriva in Senato la petizione carmagnolese contro il deposito nucleare

Nel resoconto stenografico della seduta della Camera, infatti, si legge che “Ivana Gaveglio da Carmagnola (Torino) e numerosi altri cittadini chiedono che non sia realizzato il deposito per lo stoccaggio di rifiuti radioattivi nel territorio del Comune“.

Prosegue, in parallelo, il percorso tecnico-amministrativo: a inizio luglio sono state presentati i rilievi e le osservazioni contro la realizzazione dell’opera, mentre nei giorni scorsi si è ufficialmente aperto il seminario nazionale che prenderà in esame tutta la documentazione.

Deposito nucleare: avviato il seminario nazionale per decidere dove costruirlo