Il Comune di Carmagnola rilancia i provvedimenti per il risparmio energetico

317

Contro il caro-bollette, anche per l’inverno 2023-2024 il Comune di Carmagnola ha adottato una serie di misure e di investimenti per il risparmio energetico, con l’obiettivo di contenere le spese.

risparmio energetico carmagnola
Contro il caro-bollette, il Comune di Carmagnola rilancia investimenti e misure per il risparmio energetico

Obiettivo: contenere le spese per le bollette del Comune di Carmagnola, attraverso misure di risparmio energetico. Così, per il secondo inverno consecutivo, l’Amministrazione Gaveglio ha messo in campo una serie di misure che riguardano edifici comunali e illuminazione pubblica.

«Partiamo da un presupposto: il risparmio energetico si ottiene innanzitutto con investimenti mirati, come quelli messi in campo negli ultimi anni e in programma anche per il futuro -esordisce il sindaco, Ivana Gaveglio A questi, però, cerchiamo di abbinare anche interventi più puntuali, in modo da ottimizzare risorse e costi».

«In cinque anni investiti sette milioni di euro nelle scuole di Carmagnola»

Sì, perché il tema della spesa per “luce e gas” è entrato prepotentemente nell’agenda degli amministratori comunali dopo i rincari dello scorso anno, in grado di spostare cifre importanti in bilanci già messi delicatamente in equilibrio.

Giusto per fare qualche esempio concreto, nel 2022 l’illuminazione pubblica è costata 1,2 milioni di euro, rispetto agli 800 mila dell’anno precedente (+50%), mentre il costo per scaldare il centro sportivo di corso Roma è passato in un anno da 170 a 335 mila euro, con un aumento di quasi il +100%.

Fotovoltaico e Led per il risparmio energetico nelle scuole e nel municipio di Carmagnola

Proprio il riscaldamento ha rappresentato una delle voci di costo balzate pericolosamente verso l’alto, nonostante una pur considerevole riduzione dei consumi.

«Complessivamente, per gli edifici comunali (municipio; scuole dell’infanzia, primarie e medie; musei; centri sportivi e sociali; alloggi per emergenza abitativa, ecc. NdR) lo scorso anno abbiamo speso circa un milione di euro, quasi il 60% in più rispetto ai 600 mila euro del 2021 -dettaglia il sindaco, tabelle alla mano- E questo pur avendo iniziato a beneficiare sia delle riqualificazioni energetiche in molti edifici sia della razionalizzazione dei consumi già operata lo scorso inverno».

Risparmio energetico: il Comune di Carmagnola prende misure contro il caro-bollette

Per tornare all’esempio del Palazzetto dello Sport di corso Roma, infatti, il consumo è calato del -35%. Eppure la bolletta è raddoppiata. «Non oso immaginare cosa sarebbe successo senza gli investimenti fatti negli anni prima…», si lascia sfuggire Gaveglio.

In generale, la ditta Egea (che gestisce il teleriscaldamento di gran parte delle strutture pubbliche) ha certificato nel 2022 consumi complessivi per 4.668 kW, mentre il valore medio degli anni precedenti era di 7.440 kW, con una diminuzione del -37%.

E l’efficienza è stata ancora maggiore della media in quegli edifici nei quali è stata di recente completata la riqualificazione energetica: -47% alla scuola primaria Rayneri di corso Sacchirone, -55% alla media Primo Levi (ex Manzoni).

Mezzo milione per riqualificare il Palazzetto dello Sport di Carmagnola

«Aver visto le bollette aumentare nonostante tutti gli sforzi fatti ci ha lasciati amareggiati da un lato, ma dall’altro ci ha convinti ancora di più che questa sia stata e continui a essere l’unica strada da seguire, anche per gli aspetti ambientali», aggiunge il sindaco, ringraziando Egea per aver seguito costantemente l’Ente comunale nel monitorare i consumi.

Così, anche questo inverno, sono stati confermati molti provvedimenti già in vigore nella precedente stagione fredda, a partire dalla diminuzione di un grado delle temperature in gran parte degli edifici comunali -tranne quelli esclusi per legge, come asilo nido e scuole dell’infanzia- e misure puntuali, a partire dal quelle che riguardano le scuole carmagnolesi.

«Abbiamo chiesto a dirigenti e docenti di fare online le riunioni di programmazione che si tengono al di fuori dell’orario delle lezioni, in modo da poter spegnere riscaldamento e illuminazione in media due ore prima ogni giorno rispetto al passato», spiega Gaveglio.

Riqualificazione energetica, tocca ad altre tre scuole di Carmagnola e frazioni

E per quanto riguarda gli investimenti a medio e lungo termine? «Una volta ultimati i lavori per migliorare l’efficienza energetica nelle scuole e al Palazzetto dello Sport, che sono peraltro stati fatti con finanziamenti a tasso zero e quindi senza ulteriori costi per le casse pubbliche, il nostro obiettivo è di occuparci dell’illuminazione pubblica, che rappresenta un’altra importante voce di costo per il Comune», dichiara il sindaco.

Il primo obiettivo è quello di intercettare i fondi statali dell’ex “Decreto Crescita” e, nel 2024, andare a intervenire sugli impianti più energivori, come le torri-faro presenti in diverse parti della città, in parallelo al relamping già finanziato dal PNRR per la zona industriale-commerciale di Santa Rita.

Nuova illuminazione nella zona industriale di Santa Rita di Carmagnola, grazie al PNRR

«Consideriamo che dovremo già fare i conti solo con le nostre risorse, in quanto al momento non sono previsti contributi straordinari da parte dello Stato, a differenza di quest’anno in cui sono arrivati circa 300 mila euro che hanno permesso di “assorbire” una parte degli aumenti -conclude Gaveglio- Per questo è fondamentale la collaborazione di tutti nel contenere al massimo i consumi a carico del Comune: non dimentichiamo che se i nostri conti dovessero sforare a causa delle bollette, questo andrebbe a discapito di altre voci, con inevitabili tagli ai servizi».

Caro energia: la Piscina di Carmagnola aumenta le tariffe per non chiudere