A Racconigi la mostra “Storie dal mondo in castello”

903

Fino al 3 ottobre 2021, nella residenza reale di Racconigi, si svolge la mostra “Storie dal mondo in castello”, che porta alla luce 18 oggetti selezionati dal Deposito Armeria.

mostra castello racconigi
Alcuni degli oggetti esposti nella mostra: Jakicar (cintura), manifattura balcanica, Albania/Montenegro, seconda metà del XIX secolo e Migfer (coppo di elmo a turbante), manifattura ottomana, Anatolia Orientale, 1450-1499

Opere straordinarie e manufatti di raffinata bellezza si celano nei depositi dei musei, luoghi che, nella cornice di sfarzo e magnificenza delle residenze sabaude, costituiscono un vero e proprio tesoro nel tesoro: la mostra “Storie dal mondo in castello“, inaugurata ieri e aperta al pubblico al castello di Racconigi fino a domenica 3 ottobre 2021, presenta 18 oggetti selezionati dalla raccolta di armi e oggetti etnografici custoditi nel Deposito Armeria, uno dei luoghi più sorprendenti della residenza rimasto finora nascosto ai visitatori.

La mostra rientra in un più ampio progetto di studio e valorizzazione dell’Armeria avviato nel 2019: gli interventi conservativi sono stati effettuati in parte dallo staff del Laboratorio di restauro della Direzione regionale Musei e in parte da restauratori esterni grazie alle risorse rese disponibili dall’edizione 2020 del progetto “Sleeping Beauty“, che ha l’obiettivo di riscoprire il patrimonio museale presente nei depositi.

Il percorso espositivo è stato allestito nella cappella settecentesca, riqualificata di recente in collaborazione con l’associazione “Le terre dei Savoia” e grazie al sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Torino e della Fondazione Cassa di Risparmio di Cuneo.

La nuova mostra è stata allestita nella cappella settecentesca, presente all’interno del castello

“L’itinerario presenta ai visitatori oggetti inediti e, al contempo, apre un affaccio suggestivo verso altri mondi: un caleidoscopio di storie che, tra le mura del castello di Racconigi, narra il fascino di civiltà lontane nel tempo e nello spazio attraverso manufatti di rara bellezza –spiegano dalla Direzione regionale Musei- L’esposizione di questo primo nucleo di oggetti è soltanto l’incipit di un programma finalizzato a promuovere la realizzazione di un allestimento permanente dell’Armeria nell’ala di levante al piano terreno del castello”. 

Per raggiungere questo obiettivo, che richiede l’utilizzo di non poche risorse, è stata lanciata una raccolta fondi sulla piattaforma Artbonus.

Al castello di Racconigi si svelano tesori nascosti