Appello per artisti e creativi del riciclo

113

peppino impastatoA novembre si realizzerà la quarta edizione della mostra “L’Araba Fenice: riuso funzionale, riciclo artistico”, installazione di opere artistiche e creazioni che ridanno vita a oggetti altrimenti destinati a finire tra i rifiuti. La mostra si terrà per il secondo anno consecutivo a Palazzo Lomellini, in piazza Sant’Agostino: una location che nobilita l’evento ed è stata scelta nel 2014 per il salto di qualità rappresentato dalla partecipazione della galleria d’arte “evvivanoé” di Cherasco.

Quest’anno l’esposizione sarà inaugurata il 20 novembre (in occasione della settima edizione della Settimana Europea Riduzione Rifiuti) e terminerà il 20 dicembre.

«La continuità dell’evento negli anni rappresenta un importante traguardo –spiegano gli organizzatori- Nonostante vari cambiamenti, vi sono alcuni elementi costanti, a partire dalla volontà dell’assessore Cavallini e dell’Amministrazione comunale di lavorare in positivo sul tema del riciclo e riuso, e l’organizzazione da parte dell’Associazione culturale “Peppino Impastato” con la partecipazione dei cittadini creativi».

Considerando gli artisti contattati, il materiale visionato, le proposte avanzate da alcuni partecipanti e la forte presenza femminile tra i creativi, un’area della mostra sarà quest’anno dedicata al riuso al femminile, in particolare alla creazione di capi di abbigliamento, accessori e altri elementi indossabili. Verrà anche reso omaggio alle donne con opere artistiche ad esse dedicate. Le altre sale ospiteranno creazioni che invece valorizzano in modo particolare i materiali riciclati.

«Attualmente è in fase di definizione il catalogo della mostra, che sarà nuovamente in formato digitale e c’è ancora spazio per accogliere opere realizzate da hobbisti del riciclo. Lanciamo quindi un ultimo appello per coloro che vogliono partecipare: basta inviare una richiesta all’email centopassi.carmagnola@gmail.com con alcune immagini degli oggetti da esporre, al massimo due, e una descrizione o racconto dell’esperienza artistica –concludono dall’Associazione Peppino ImpastatoL’evento, nelle passate edizioni, non soltanto ha avuto un buon numero di visitatori ma è stato anche un momento educativo e ludico per gli studenti delle scuole del territorio, stimolati a riflettere sulla gestione dei rifiuti e sulle possibilità di migliorare il loro impatto sul pianeta».

Riccardo Gandiglio