Il crescente fenomeno delle arti marziali miste in Europa

68
arti marziali miste
Il crescente fenomeno delle arti marziali miste in Europa

Durante gli ultimi anni è scoppiata anche in Italia la MMA mania. Del resto era solo questione di tempo, affinché le arti marziali miste, che appartengono alla federazione denominata UFC MMA, prendessero piede anche nel nostro Paese, essendo già piuttosto seguite in Nord America, Sud America e naturalmente in Asia.

Non c’è da stupirsi quindi se i canali tematici dedicati alle arti marziali miste stiano avendo sempre più successo di pubblico, come del resto avveniva già durante gli anni novanta con la kickboxing, la thai boxe e tutte quelle discipline considerate miste e ibride a metà tra pugilato, lotta libera e naturalmente arti marziali.

Dagli Usa all’Europa: MMA alla conquista del mondo

La MMA parte quindi dagli Stati Uniti durante la prima metà degli anni novanta, per affermarsi in seguito come federazione unitaria, con tanto di regolamento, programmazione e lavoro di divulgazione, per merito di eventi che partendo da una base di nicchia, sono arrivati a raggiungere presto sold-out, sono esclusivamente in contesti di eventi sportivi tra appassionati, ma conquistando anche un pubblico più marcatamente generico.

Del resto oggi reperire informazioni su dove scommettere ufc è diventato molto semplice, nonostante fino a dieci-quindici anni fa, le arti marziali miste fossero ancora confinate a un pubblico di nicchia, ma appassionato e che si è consolidato nel corso del tempo.

Gli eventi di MMA in tv sono diventati sempre più presenti e assicurano un livello di spettacolarità che il mondo della boxe classica poteva vantare forse nell’epoca d’oro di pugili come Mike Tyson.

Quali sono le principali discipline che costituiscono le arti marziali miste

Tra le discipline che inglobano il mondo delle arti marziali miste troviamo poi il Brazilian Jiu-Jitsu, considerato tra gli appassionati di arti marziali come una delle discipline più spettacolari e di livello adrenalinico elevato per chi le segue, soprattutto dal vivo.

Ogni anno nel mondo vengono organizzati diversi incontri e tornei rivolti al pubblico e all’audience che MMA e UFC hanno saputo conquistare nel tempo. Del resto per rendersi conto delle dimensioni di tale fenomeno basta seguire la nuova serie Netflix, Cobra Kai, dedicata ai protagonisti della saga Karate Kid, per avere un riscontro di come queste discipline abbiano saputo conquistare un pubblico sempre più ampio anche in Europa, continente con una tradizione sportiva e di lotta piuttosto importante, per chi segue con passione questo tipo di sport.

Tuttavia il livello di hype e di popolarità delle arti marziali miste ha messo in secondo piano tutte le altre discipline, che però possono contare sul fatto di appartenere al circuito olimpionico, come judo o lotta libera (e greco-romana) e che quindi almeno una volta ogni quattro anni ricevono un livello di attenzione elevato.

Partendo però dal concetto che le arti marziali miste sono un fenomeno di questi ultimi anni, con un livello di popolarità senza precedenti, non dovrebbe stupire se a breve la federazione UFC dovesse ricevere una proposta in contesto sportivo e quindi olimpionico. Le premesse a livello di spettacolo e di pubblico, per come sono andate le cose in questi anni sembrerebbero dettare tale linea.