Un premio per gli acquisti verdi alla Città metropolitana di Torino

170

La Città metropolitana di Torino è stata insignita del Premio Compraverde Buygreen 2021, per essersi distinta nelle attività che promuovono e migliorano gli acquisti verdi.

torino acquisti verdi
È andato alla Città metropolitana di Torino il premio della sezione politica dell’edizione 2021 del Forum Compraverde Buygreen (foto: Città metropolitana di Torino)

Si è aggiudicata il premio della sezione politica, la Città metropolitana di Torino, che ha partecipato a Buygreen 2021, il Premio -organizzato in occasione del Forum Compraverde- suddiviso in otto sezioni e rivolto a enti, imprese e associazioni “green” che si contraddistinguono per la loro particolare attenzione nell’adottare il GPP, Green Public Procurement, ovvero i cosiddetti “acquisti verdi“.

Il GPP consiste nell’integrazione di considerazioni di carattere ambientale nelle procedure di acquisto della Pubblica Amministrazione, in modo da poter scegliere quei prodotti e servizi che hanno un minore effetto sulla salute umana e sull’ambiente rispetto ad altri prodotti e servizi utilizzati allo stesso scopo. Ristorazione collettiva, cultura, edilizia, criteri sociali e sostenibilità sono i temi sui quali viene posta particolare attenzione da parte del Forum.

Ripartiamo da Zero, la nuova campagna del Consorzio rifiuti Covar 14

“La Città metropolitana di Torino si è aggiudicata il premio della sezione Politica GPP per aver dato continuità nel tempo ad una politica strutturata attraverso l’aggiornamento del Protocollo APE (Acquisti Pubblici Ecologici) con il supporto di Arpa Piemonte sugli acquisti verdi e l’integrazione di una solida rete di soggetti coinvolti nella promozione del GPP a livello territoriale -annuncia la Giuria di Buygreen, e prosegue- per aver pienamente integrato gli acquisti verdi nelle proprie attività avviando un percorso per rendicontare e comunicare in modo diretto e trasparente ai propri stakeholder il valore creato sul territorio in termini di contributo agli Obiettivi per lo Sviluppo Sostenibile e a molti dei temi dell’Agenda 2030”.

“Si è trattato di un’occasione importante per mettere in evidenza, ogni anno con maggiore forza, l’importanza dell’impegno a rispettare l’applicazione dei criteri ambientali minimi per una vera sostenibilità, anche puntando sul social e gender procurement, sulla filiera a chilometro zero e su una corretta gestione del ciclo dei rifiuti“, dichiarano dalla Città metropolitana.

Deposito nucleare: la Città metropolitana sollecita Sogin