Una serata-benefit per aiutare gli amici “pelosi”

233

Apericena-benefit il 4 ottobre a Carmagnola per raccogliere i fondi necessari alle cure veterinarie nelle colonie feline cittadine.

volontarie attive cena benefitVenerdì 4 ottobre 2019, giornata di San Francesco, le “Volontarie Attive” organizzano un’apericena benefit pro-pelosi, volta a finanziare le attività a favore delle colonie feline cittadine.

L’appuntamento è alle 19:30 al Circolo “Da Andrea” di via Rossini 60 a Carmagnola; il costo è di 15 euro: tutto il ricavato servirà per saldare parte dei conti veterinari per il soccorso degli animali negli ultimi mesi.

E’ gradita la prenotazione, telefonando a Cristina al numero 389-6983814.

Volontarie Attive è un gruppo formato da quattro donne carmagnolesi -spiegano le promotrici dell’iniziativa benefitCi occupiamo di 17 Colonie feline, fornendo il cibo, le cure e le sterilizzazioni. Cerchiamo anche adozioni per i numerosi cani e gatti recuperati o ceduti, non abbiamo una struttura né sovvenzioni di alcun tipo; provvediamo di tasca nostra a tutte le necessità che incontriamo finché riusciamo“.

L’evento del 4 ottobre servirà ad abbattere uno dei costi più elevati che il gruppo si trova ad affrontare: le cure veterinarie. “Contiamo sull’aiuto di chi ci conosce e sa il gran lavoro che facciamo in silenzio senza clamore ma con tanta tanta difficoltà. Per riuscire ad abbassare un pochino gli enormi conti veterinari per gli animali salvati, saltuariamente organizziamo degli eventi come questa apericena, perché solo con le nostre finanze non ce la facciamo“.

Concludono le Volontarie Attive carmagnolesi: “Facciamo tanto per tutti; speriamo che sempre di più ci siano persone amanti degli animali che ci aiutino ad aiutarli, adottando, contribuendo economicamente, acquistando cibo per le colonie feline, stallando temporaneamente gli animali per cui non abbiamo ricovero, partecipando ai nostri eventi per raccogliere fondi. Noi ci siamo sempre per tutti, ma siamo lasciate sole ad affrontare tante difficoltà: chiediamo collaborazione in qualche modo da parte di tutti. Perché se in quattro abbiamo potuto fare tanto, pensate quanti animali potremmo aiutare se ci dessero una mano altre persone. Più siamo e più ne aiutiamo“.