Racconigi, approvato il progetto definitivo dei sottopassi ferroviari

69

Nel corso dell’ultimo Consiglio comunale di Racconigi è stato approvato il progetto definitivo dei sottopassi ferroviari, con il voto contrario della minoranza, che ha proposto una serie di miglioramenti per l’opera.

Racconigi sottopassi ferroviari
Sottopassi ferroviari, a Racconigi si è giunti all’approvazione del progetto definitivo

Dopo quattro anni di lavoro, iniziato nel 2018 con l’approvazione all’unanimità del progetto
preliminare, durante l’ultimo Consiglio comunale di Racconigi si è giunti all’approvazione del progetto definitivo dei due sottopassi ferroviari. La votazione ha visto il parere contrario del gruppo di minoranza, che ha proposto una serie di miglioramenti per l’opera.

“Ci teniamo a ribadire che noi siamo favorevoli ai sottopassi, a tal punto da volerne due carrabili. Abbiamo chiesto una breve sospensione del Consiglio per poter conferire con il sindaco ed inserire alcune integrazioni al testo –commentano dalla minoranza- Questo perché il progetto presenta della criticità di cui noi siamo portavoce da anni”. 

La prima proposta di integrazione prevedeva di rendere carrabile il sottopasso di via Santa Maria/strada Tagliata, che nel progetto è solo ciclopedonale: “Abbiamo chiesto che sia reso carrabile anche solo a senso di marcia alternato. Questo perché tutto il traffico veicolare per frazione Tagliata e “la reale” andrà a confluire su corso Regina Elena, via Caramagna e via Dei Sospiri, nella zona a più alta densità abitativa”. 

Racconigi, la minoranza critica il progetto del sottopasso ferroviario

Continuano dalla minoranza: Il progetto toglierà 20 posti auto in una zona molto viva della città; abbiamo chiesto l’implementazione con la progettazione di nuovi posti auto per ovviare a questo disagio”. 

Concludono dal gruppo d’opposizione: “Abbiamo chiesto anche che venga sistemato tutto il tratto della Strada antica del Canapile, a partire dal cimitero. Infine, il tratto di strada di corso Regina Elena fino a via Caramagna sarà declassato a strada urbana, con i relativi costi a carico del Comune e dei Racconigesi. Abbiamo chiesto che questo sia attentamente valutato”. 

Sulla discussione interviene anche il sindaco Valerio Oderda“Con orgoglio di tutti noi racconigesi presto potremo finalmente affermare che la nostra non sarà più una città divisa in due. Devo però purtroppo sottolineare, con un certo rammarico, come questa volta il Consiglio Comunale non si sia espresso con unanimità, poiché la minoranza ha ritenuto di esprimere parere contrario a questo progetto, nonostante gran parte della città lo ritenga strategico e l’attenda da molto tempo. Ne siamo dispiaciuti ma siamo certi che presto la fase esecutiva prevarrà sulle polemiche che purtroppo, a volte, tolgono spazio alla concretezza“. 

Racconigi: via i passaggi a livello, arrivano due sottopassi