Home / Eventi e Curiosità / Asl: l’oculista Alberto Piatti premiato a Varsavia

Asl: l’oculista Alberto Piatti premiato a Varsavia

Prestigioso riconoscimento internazionale per il dottor Alberto Piatti, per la proposta di un percorso diagnostico terapeutico per la retinopatia diabetica.

Asl TO5 oculista Alberto Piatti premiato a Varsavia

In occasione del Convegno Esaso – Retina Academy  (European School for Advanced Studies in Ophthalmology) tenutosi a Varsavia, in Polonia, è stata premiata una comunicazione del dottor Alberto Piatti, oculista dell’Asl TO5, che ha vinto il primo premio fra le circa 60 partecipanti.
La relazione aveva come argomento la proposta di un percorso diagnostico terapeutico per la retinopatia diabetica.

La retinopatia diabetica è la più frequente complicanza del diabete e colpisce circa il 30 % della popolazione diabetica -spiegano dall’Asl TO5 In Piemonte, i dati epidemiologici riportano circa 285 mila persone con diabete, di queste circa 80 mila sono affette da retinopatia. La retinopatia diabetica è principale causa di cecità della popolazione in età lavorativa nei Paesi Industrializzati. La proposta, rivolta a tutto il Sistema sanitario nazionale, ma anche ai Servizi Sanitari dei paesi della Comunità Europea, si basa su esempi di best practice che l’Asl TO5 da circa 15 anni sta attuando sul suo territorio, grazie ad una stretta collaborazione fra diabetologi ed oculisti“.

Commenta il dottor Piatti, dopo aver vinto il prestigioso premio internazionale: “Il percorso diagnostico terapeutico assistenziale della retinopatia diabetica dell’Asl TO5 consente un’effettiva presa in carico dei pazienti da parte delle strutture dell’Azienda Sanitaria, dalle fasi iniziali della malattia, riconoscibili mediante le procedure di screening, fino alle terapie che sovente sono prolungate“. 

Lo screening della retinopatia nell’ASL TO5 viene effettuato sia con la metodica dell’esame “fundus oculi” da medici oculisti, sia con la metodica retinografia digitale effettuata da personale infermieristico.
Quest’ultima metodica sarà ulteriormente potenziata nel corso dell’anno 2019, consentendo sia un miglioramento del servizio, sia una riduzione dei tempi d’attesa.

Altro punto di forza fondamentale è l’utilizzo di una cartella clinica digitale condivisa fra diabetologi e oculisti -prosegue Alberto Piatti– In questo modo è possibile conoscere la stadiazione della complicanza oculare per il diabetologo e l’iter della malattia diabetica per l’oculista. Infine, ultimo elemento importante, il paziente diabetico con retinopatia viene preso in carico, dopo la diagnosi, dagli ambulatori di oculistica distrettuali per gli accertamenti successivi quali OCT ed angiografia e nel Distretto di Moncalieri vengono eseguiti i trattamenti laser retinici”.

La presa in carico si completa con la parte ospedaliera, quando sono necessarie terapie più invasive come le terapie intravitreali per l’edema maculare o la vitrectomia in rari casi di retinopatia proliferante.

Un premio dato all’impegno e all’esperienza professionale del dottor Piatti –ha commentato il direttore generale dell’Asl, Massimo UbertiIl fatto che le nostre buone pratiche siano di esempio ed esportabili in altri paesi europei deve essere garanzia per tutti i cittadini che si rivolgono alle nostre strutture sanitarie”.

Leggi anche

Distretto sanitario di Carignano asta Asl TO5

Asl TO5: un’asta per finanziare lavori negli ospedali

L’Azienda Sanitaria ha annunciato la vendita all’asta di terreni e fabbricati per recuperare 5 milioni, …