Dibattito sulla crisi ucraina con i “Liberi Conversatori”

412

L’associazione carmagnolese “Liberi Conversatori” presieduta dall’ex vicesindaco Salamone organizza un dibattito il 9 marzo per parlare della crisi in Ucraina.

Salamone e Bertot libro Ucraina
Salamone e Bertot

Sabato 9 marzo 2019, alle 17,30 nella sala Solavaggione della biblioteca civica di via Valobra 102, si terrà la presentazione del libro “Ucraina, la guerra geopolitica tra Stati Uniti e Russia” (Historica Edizioni).

Il libro nasce dalla collaborazione dell’europarlamentare Fabrizio Bertot con il giornalista Antonio Parisi.
L’evento è organizzato dall’Associazione “Liberi Conversatori” presieduta dall’ex vicesindaco di Carmagnola, Alessandro Salamone.

All’incontro sarà presente uno degli autori, Bertot, politico europeo e osservatore internazionale.
Bertot, nel suo ruolo di europarlamentare, ha avuto infatti modo di seguire i diversi momenti della crisi ucraina, a partire dal referendum per l’annessione della Crimea alla Russia e l’auto-proclamazione delle repubbliche secessioniste del sud-est.

«Gli autori sono entrambi esperti di politica internazionale e, nel libro, fanno un’analisi puntuale della vicenda, guardandola da diverse angolature -spiega Alessandro SalamoneL’Ucraina, per noi italiani, ma anche per molti europei, è una sorta di oggetto misterioso: prima sottovalutata in quanto facente parte dell’Unione Sovietica e poi al centro dell’attenzione internazionale solo per i disordini e la complessità delle sue dinamiche politiche. L’incontro aiuterà a capire la situazione di questo grande Paese, di strategica importanza geopolitica mondiale».

La tesi di Bertot e Parisi è che USA, NATO e UE abbiano attirato l’Ucraina nell’orbita occidentale, in funzione anti-Putin. “Il contestato ma legittimo referendum della Crimea, con cui il popolo ha scelto l’annessione alla Russia. Le spinte secessioniste filo-russe del Donbass, hanno definitivamente complicato la situazione sottolinea l’europarlamentareL’Occidente si è schierato contro Putin a prescindere, e l’Ucraina si è trovata in una guerra che, forse, non avrebbe neanche voluto iniziare“.

Nel libro si parte dalla storia antica e recente dello stato ucraino, per affrontare i principali fatti che hanno interessato quelle terre negli ultimi anni. Si dedica poi un’analisi al groviglio di interessi mondiali che lì si intrecciano. Si analizzano inoltre le mire di Bruxelles, Washington e Mosca, oltre al rapporto di amore/odio tra Ucraina e Russia.

L’ingresso all’incontro è libero.