Davide Nicco (FdI) contro il cibo sintetico in Piemonte

288

Il consigliere regionale Davide Nicco (FdI) ha firmato un ordine del giorno contro il cibo sintetico: “il Piemonte è la Regione delle eccellenze alimentari e dei Distretti del Cibo”.

cibo sintetico
Davide Nicco -al centro- ex sindaco di Villastellone e consigliere regionale di Fratelli d’Italia

Davide Nicco -esponente di Fratelli d’Italia ed ex sindaco di Villastellone- ha aggiunto la propria firma all’Ordine del Giorno a sostegno delle iniziative contro il cibo sintetico, presentato dal consigliere Matteo Gagliasso, discusso e approvato dal Consiglio regionale.

Quasi tutti avremo visto o sentito parlare di strane bistecche o hamburger generati in laboratorio da cellule nutrite artificialmente, e magari estrusi con stampanti 3d -dichiara- Uno scenario da fantascienza che, se non contrastato, rischia di diventare reale anche in una patria di eccellenze enogastronomiche assolute come il Piemonte.

Nuovo ospedale Asl TO5, Nicco rilancia il sito di Villastellone

Nicco afferma di aver sottoscritto “con convinzione” il documento, che impegna la Giunta Cirio: “Provenendo dal Distretto del cibo del Chierese e Carmagnolese, che è il primo istituito dalla Regione e che raccoglie Comuni che presentano ognuno prodotti agroalimentari e zootecnici di qualità eccezionale, dico no alle norme e alle lobby che vogliono introdurre anche nella nostra Regione il “cibo sintetico”, ossia quegli alimenti prodotti artificialmente da zero in laboratorio con procedimenti chimici e di sintesi. Un’offesa alla nostra cultura e alle nostre radici, ma anche al lavoro di qualità dei nostri produttori e alla nostra economia“.

Petizione contro il cibo sintetico, anche Giorgia Meloni mette la firma

L’Ordine del Giorno impegna il Governo regionale a sostenere la petizione promossa da Coldiretti contro il cibo sintetico e tutte le iniziative di sensibilizzazione al riguardo sostenute dal mondo agricolo, accademico e scientifico finalizzate a richiamare l’attenzione sui rischi della diffusione del cibo da laboratorio.

Si propone anche di difendere, in sede di Conferenza Stato-Regioni e nei rapporti con il Ministero dell’Agricoltura e della Sovranità Alimentare, le filiere agrozootecniche piemontesi minacciate dalla diffusione del cibo sintetico.

Agricoltura, il neo ministro Lollobrigida: no a carne artificiale e Ogm, ipotesi dazi