La nuova palestra dell’Agraria di Carmagnola sarà presto realtà

500

La Città metropolitana di Torino annuncia l’avvio dei lavori per la nuova palestra all’Agraria del “Baldessano Roccati” di Carmagnola, oltre a interventi nella sede dei licei in piazza Sant’Agostino. Entrambi i cantieri sono finanziati con i fondi del PNRR, per un totale di oltre tre milioni di euro.

palestra agraria carmagnola
L’Istituto di Agraria del “Baldessano Roccati” di Carmagnola avrà presto la nuova palestra, richiesta da molti anni, grazie ai fondi europei del PNRR (foto: Città metropolitana di Torino)

Partirà entro fine mese il cantiere per la costruzione della nuova palestra della sezione agraria dell’Istituto di istruzione superiore “Baldessano Roccati” di Carmagnola.

I lavori, il cui costo ammonta a circa 2,9 milioni di euro, sono realizzati dalla Città metropolitana di Torino -l’Ente che si occupa dell’edilizia scolastica per le superiori- e finanziati con i fondi del PNRR; saranno eseguiti dalla ditta Quintino Costruzioni.

Il progetto prevede la realizzazione di un nuovo fabbricato di due piani a fianco della manica nord dell’edificio, a forma di parallelepipedo e rivestito con pannelli prefabbricati e lastre di policarbonato.

In arrivo i fondi per la nuova palestra di Agraria a Carmagnola

Al piano seminterrato sarà presente un laboratorio agroalimentare, oltre a spogliatoi, bagni, uffici, depositi e locali per i frigoriferi e i rifiuti.

Al piano rialzato sarà invece collocata la palestra scolastica, con gli spogliatoi, i servizi igienici e spazi di supporto. L’accesso ai due livelli potrà avvenire anche dall’esterno, tramite alcune scale e rampe posizionate nel cortile interno.

«L’intervento consentirà anche di migliorare l’illuminazione e l’aerazione nei due laboratori esistenti, attraverso la demolizione di un tratto dell’intercapedine presente lungo il lato sud», specificano i progettisti.

L’Agraria di Carmagnola protagonista a livello nazionale

Entro novembre si aprirà anche un secondo cantiere finanziato dall’ex Provincia a favore del Polo scolastico carmagnolese, con la ristrutturazione dei locali al primo piano della succursale di piazza Sant’Agostino, sede dei licei.

Qui -per un importo di 400 mila euro, sempre derivanti dal PNRR– saranno realizzati interventi a completamento dei lavori di adeguamento strutturale eseguiti negli anni scorsi (che hanno riguardato tutta la manica), oltre a interventi sugli impianti elettrici e manutenzioni.

Carmagnola e Città metropolitana, un patto per la viabilità

«In particolare, i lavori prevedono la demolizione della parte costruita nel secolo scorso per ospitare i servizi igienici e il rifacimento della continuità di facciata retrostante in mattoni pieni, con interventi di ricostruzione in corrispondenza dei vuoti e delle parti mancanti lasciate a vista sulla manica principale», dettagliano i progettisti.

Sono anche in programma la demolizione del ballatoio verandato e il ripristino della continuità di facciata intonacata esistente con l’uso di colore simile a quello già utilizzato. Verranno contemporaneamente rifatti anche gli intonaci interni in alcune parti ammalorate.

Eduscopio 2022, bene le scuole superiori del territorio carmagnolese

«Accogliamo con grande entusiasmo e soddisfazione l’avvio di questi lavori, un progetto atteso da lungo tempo che finalmente prende vita grazie ai fondi del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza -commenta il sindaco di Carmagnola, Ivana Gaveglio Si tratterà di un significativo miglioramento per la qualità della formazione degli studenti, grazie a un ambiente moderno e idoneo per lo sviluppo delle attività sportive e formative».

Per Gaveglio il progetto «si inserisce nella nostra costante dedizione al potenziamento delle infrastrutture scolastiche, testimoniato anche da altri importanti miglioramenti realizzati negli ultimi anni in diversi istituti -aggiunge- Guardando al futuro, continueremo a perseguire tali obiettivi, lavorando per assicurare ai nostri giovani ambienti stimolanti e all’avanguardia».

«In cinque anni investiti sette milioni di euro nelle scuole di Carmagnola»