Un progetto da due milioni per la riqualificazione del Lago della Spina a Pralormo

306

La riqualificazione del Lago della Spina a Pralormo è una delle operazioni previste dalla nuova Strategia Urbana d’Area: presentato un progetto da oltre due milioni di euro, con l’obiettivo di ricevere i fondi europei FESR.

Lago della Spina
Le operazioni di riqualificazione del Lago della Spina di Pralormo prevedono una spesa di oltre due milioni di euro, che dovrebbero arrivare dai fondi europei FESR (foto: Comune di Pralormo)

C’è anche Pralormo nel maxi-progetto Strategia Urbana d’Area per lo sviluppo e il turismo sostenibile, che vede capofila il Comune di Carmagnola: uno dei principali interventi previsti riguarda infatti la riqualificazione del Lago della Spina, con spesa che sarebbe finanziata interamente dai fondi europei di sviluppo regionale (FESR) per un importo pari a 2.051.100 euro.

L’obiettivo dell’operazione è quello di incrementare la biodiversità dell’area del Lago e di valorizzare il patrimonio naturale presente. A questo scopo sono previsti diversi interventi di rimozione delle specie vegetali invasive alloctone e di potenziamento delle specie autoctone e locali.

Turismo sostenibile e sviluppo: Carmagnola capofila di un progetto da 12 milioni di euro

Questo porterà, secondo quanto si legge nella scheda dell’operazione, a “un incremento del valore di biodiversità e degli habitat per specie vegetali e animali legate agli ambienti acquatici e ripariali e permetterà un incremento della capacità fruitiva dell’intero comprensorio“.

La riqualificazione prevede anche la creazione di aree verdi attrezzate e interventi per il miglioramento dei sentieri già esistenti nel comprensorio lagunare. Inoltre, saranno  condotte azioni di sensibilizzazione, indirizzate ai turisti e alla popolazione locale, per favorire la conoscenza ambientale dell’area.

Carmagnola punta ai fondi europei Fesr per completare il sottopasso ferroviario

In aggiunta alla rigenerazione del Lago della Spina, Pralormo è inserito in altri due grandi ambiti di intervento della Strategia Urbana d’Area, assieme ad altri Comuni.

Si tratta delle operazioni per la realizzazione di una rete mercatale polifunzionale per la valorizzazione delle eccellenze locali e l’implementazione dell’infrastruttura di rete di base per creare una Smart Land a servizio della vita quotidiana e del tessuto produttivo locale.

Città metropolitana rinnova il progetto “Salviamolinsieme” a favore degli animali selvatici