Turchia: “Grazie Italia per gli aiuti post-terremoto, chiamiamo il nostro bambino SergioMattarella”

838

Ad Antiochia (Turchia) una famiglia, per ringraziare l’Italia degli aiuti e del supporto post-terremoto, ha deciso di chiamare il proprio figlio SergioMattarella: al bambino il nome del Presidente della Repubblica. Il racconto del volontario carmagnolese Enrico Perotti.

bambino SergioMattarella Turchia terremoto Sergio Mattarella
Il piccolo SergioMattarella, bambino nato in Turchia dopo il terremoto a cui i genitori hanno voluto dare il nome del Presidente della Repubblica come forma di ringraziamento all’Italia

Per ringraziare l’Italia degli aiuti e di tutto il supporto che ci sta fornendo dopo il terremoto, abbiamo deciso di chiamare nostro figlio SergioMattarella“: l’incredibile storia di questa famiglia, che vede protagonista un bambino nato lo scorso 16 marzo nei pressi di Antiochia (Turchia), è stata raccontata al nostro giornale da Enrico Perotti, volontario carmagnolese appena rientrato dalla missione EMT-2 Maxiemergenza 118 della Regione Piemonte.

Quella mattina, nel nostro ospedale da campo, è nato un bimbo, uno dei tanti che abbiamo visto venire alla luce durante i giorni trascorsi in Turchia -ricorda, mostrando una foto del foglio di prima registrazione del piccolo SergioMattarella- La famiglia ha detto di aver scelto quel nome per dire simbolicamente grazie a tutta Italia“.

bambino sergiomattarella turchia
Il certificato in cui viene riportato il nome di SergioMattarella per un bambino nato nell’ospedale da campo allestito dalla Regione Piemonte presso Antiochia (Turchia) – Foto di Enrico Perotti © Il Carmagnolese

Nome e cognome del Presidente della Repubblica sono così diventati simbolo della cooperazione italo-turca che si è subito attivata dopo il terribile sisma verificatosi nella notte fra il 5 e il 6 febbraio 2023, con due forti scosse che hanno colpito l’area meridionale della Turchia e le regioni settentrionali della Siria.

La Regione Piemonte, in particolare, ha inviato un’imponente squadra di personale sanitario e volontari ad Antiochia -nell’estremità più a sud del territorio turco, a pochi chilometri dal confine siriano- dove è stato allestita una tendopoli sanitaria in un campo da calcio alla periferia ovest della città.

Regione Piemonte Turchia Terremoto
L’ospedale da campo allestito dalla Regione Piemonte nei pressi di Antiochia, in Turchia, come missione umanitaria post-terremoto

Alla missione piemontese hanno preso parte anche due carmagnolesi, partiti lo scorso 4 marzo da Caselle e rientrati ieri: la dottoressa Mariachiara Benedetto, che lavora in Chirurgia a Savigliano, e appunto Enrico Perotti, tecnico radiologo dell’Asl TO5 in servizio all’ospedale cittadino “San Lorenzo.

Abbiamo lavorato intensamente, con turni molto lunghi, tra scosse di assestamento e boati di edifici che crollano o vengono abbattuti in quanto pericolanti, ma ricevendo in cambio tante, tante soddisfazioni -racconta a caldo Perotti a “Il Carmagnolese”- In queste due settimane abbiamo trattato tantissimi pazienti con brutte conseguenze sia fisiche (fratture saldate malamente, ustioni, ferite infette) che psicologiche (come crisi isteriche o depressioni). Tra le cose più belle c’è stato proprio aver fatto nascere tanti bimbi e bimbe: una speranza per le loro famiglie, il loro Paese e per tutti noi“.

Il carmagnolese Enrico Perotti durante il lavoro nell’ospedale da campo ad Antiochia

© Il Carmagnolese
Si diffida dall’utilizzare, anche sotto forma di riassunto o rielaborazione, i contenuti del presente articolo e/o le immagini pubblicate, salvo richiesta ed esplicita autorizzazione
.