Futsal: niente rimonta per l’Elledì, è Aosta a volare in A2

2228

Al palasport di Caramagna l’Aosta travolge l’Elledì Carmagnola 8-2 e conquista meritatamente la promozione in Serie A2. Gialloneri poco concreti sotto porta, con gli ospiti più freddi e precisi.

 

L’Elledì Carmagnola nella finale playoff con Aosta per la promozione in A2 – Ph. Il Carmagnolese

Svanisce in finale playoff il sogno dell’Elledì Carmagnola di tornare in serie A2 di calcio a cinque. Aosta, che già aveva vinto 5-3 in casa, espugna il palasport di Caramagna con un netto 8-2, e lascia i gialloneri con l’amarezza di essere arrivati a un passo dalla promozione.

In un palazzetto completamente sold out, presente anche una discreta pattuglia di tifosi valdostani, i carmagnolesi scendono in campo determinati a ribaltare il risultato dell’andata: per fare il salto di serie, serve vincere con tre goal di vantaggio.

Inizio aggressivo per l’Elledì, che nei primi minuti schiaccia Aosta, con tre conclusioni pericolose che si spengono di poco a lato.
La prima occasione ospite arriva al 5′, ma l’estremo difensore carmagnolese Ganci vola e salva la propria porta.

Elledì Aosta ph. Il Carmagnolese
Il tifo giallonero al palasport di Caramagna Piemonte

Il tifo del pubblico giallonero è incessante e Carmagnola cerca ripetutamente la via del goal, con Pereira prima e capitan Oanea poi ancora pericolosi in avanti.
Non c’è fretta“, ripete intanto in tribuna patron Dario Lamberti.

Ma, quando la rete sembra ormai matura per l’Elledì, arriva la doccia fredda: retropassaggio irregolare al portiere e piazzato per Aosta, che non sbaglia e si porta in vantaggio.
Mentre Carmagnola stava dominando la partita, gli ospiti hanno trovato il goal.

L’inaspettato svantaggio demoralizza i gialloneri, che poco dopo concedono il raddoppio agli ospiti, con rete del numero 9 brasiliano Da Silva. Carmagnola accusa il colpo e gli animi si iniziano anche a scaldare.
Oanea prova una girata al volo, ma non va. Quindi è ancora Pereira ad andare al tiro, ma la conclusione è fuori. In generale, ai carmagnolesi manca la precisione decisiva per infilare il portiere valdostano.

Al 15’ un altro episodio determinate per il match: intervento duro su un avversario e rosso per Pereira. Dal dischetto, Aosta trova lo 0-3 e inizia a chiudere tutti gli spazi ai carmagnolesi, che sono anche sfortunati nei rimpalli e nelle conclusioni.

Prima dell’intervallo, il crollo definitivo dell’Elledì: con due contropiede, gli ospiti si portano sullo 0-5, scavando un solco ormai incolmabile per l’Elledì, che inizia a veder svanire il sogno dell’A2.

La musica non cambia ad avvio ripresa, con ancora i valdostani in goal dopo neppure due minuti. Quindi il V ospite si chiude nella propria metà campo, con Carmagnola che prova comunque a onorare il match. Ma non trova la via del gol, complice anche una certa dose di sfortuna.

Solo nel finale, i gialloneri trovano due (belle) reti su tiri da fuori, entrambe firmate Oanea, che sarà il più applaudito a fine partita, ultimo a mollare. I suoi goal, comunque, arrivano troppo tardi, quando il risultato è ormai consolidato.
Aosta, sfruttando gli spazi concessi da un Carmagnola ormai proiettato in avanti, segna ancora due reti, di cui l’ultima a porta vuota.

Aosta festeggia promozione in A2 - Ph. Il Carmagnolese
Aosta festeggia la promozione in A2

8-2 il finale al suono della sirena, con gli ospiti che vanno a festeggiare la promozione in Serie A2 insieme ai propri tifosi.
Vince la squadra che ha saputo difendere meglio e colpire in modo spietato alle prime occasioni, mantenendo poi la calma nel gestire il vantaggio sempre crescente.

Il palazzetto di Caramagna tributa uno sportivo applauso ai vincitori, per poi consolare a suon di cori i giocatori in maglia giallonera, delusi dal risultato.
Non dimentichiamo che il nostro obiettivo stagionale erano i play off; poi abbiamo iniziato a sognare più in grande, ma va bene così il commento a caldo del presidente Elledì, Dario Lamberti- I nostri ragazzi meritano tutto il sostegno ricevuto dal pubblico, avendo giocato fino all’ultimo, in una stagione ricca di sacrifici e soddisfazioni“.