Racconigi: l’Opposizione contesta i parcheggi a pagamento

443

I nuovi parcheggi a pagamento nel centro di Racconigi hanno scatenato aspre critiche, sia da parte dell’Opposizione che dai cittadini. Il sindaco Oderda: “incentivano la mobilità sostenibile”.

Racconigi parcheggi pagamento
I nuovi parcheggi a pagamento nel Comune di Racconigi saranno attivi dal gennaio 2021 (foto di Massimo Caratto – Facebook)

La decisione dell’Amministrazione di Racconigi di posizionare 260 parcheggi a pagamento in centro ha provocato un ampio dibattito in Comune, con molte contestazioni da parte dei cittadini e delle forze politiche di opposizione.

Le nuove strisce blu, tracciate nei giorni scorsi, diventeranno comunque attive soltanto da gennaio 2021.

“La decisione del sindaco Oderda di posticipare a dopo le festività natalizie l’avvio del parcheggi a pagamento ci fa piacere ed è segno di buon senso -commenta l’ex Primo Cittadino Giampiero Brunetti, ora all’opposizione- Restiamo però fermamente contrari alla loro istituzione, perché l’economia locale non li potrà reggere e per i prossimi cinque anni non sarà possibile retrocedere dalla concessione, salvo pagando un forte risarcimento alla società aggiudicataria”.

Già scorso anno, la lista d’opposizione “Racconigi città viva” aveva raccolto circa 2.000 firme di racconigesi che si dichiaravano contrari all’installazione dei parcheggi a pagamento: ciò non è bastato, però, a far tornare sui propri passi l’Amministrazione Oderda.
“Ringrazio comunque tutti i cittadini che avevano sostenuto la petizione, perché è anche merito loro se è stato posticipato l’avvio del provvedimento”, conclude Brunetti.

Una serata per dire “no” alle strisce blu a Racconigi

Pronta replica del sindaco di Racconigi, Valerio Oderda, che ribadisce la correttezza della propria decisione: “L’installazione delle strisce blu nasce da un piano di mobilità sostenibile portato avanti da questa Amministrazione -sottolinea- Oltre ai parcheggi a pagamento, abbiamo sempre promosso gli spostamenti in bicicletta e abbiamo creato dei punti per la ricarica delle auto elettriche”.

Oderda sottolinea come il numero degli stalli sia comunque contenuto: “Sono sicuro che queste strisce blu permetteranno un maggior ricambio delle auto e aiuteranno anche il commercio”.

Bonus mobilità 2020: dal 4 novembre al via l’incentivo per la mobilità sostenibile