Piazza Ragazzabile a Villastellone, per prendersi cura dei beni comuni

575

Anche a Villastellone, come a Carmagnola, si è svolto il progetto “Piazza Ragazzabile”, che ha coinvolto 23 giovanissimi in attività formative e di manutenzione dei beni pubblici.

I ragazzi e le ragazze di Piazza Ragazzabile 2019 a Villastellone -Ph. Riccardo Borelli
I ragazzi e le ragazze di Piazza Ragazzabile 2019 a Villastellone -Ph. Riccardo Borelli

Una coesa squadra di 23 giovanissimi, tra ragazze e ragazzi, che si dedicano alla manutenzione della città seguiti dai tutor, Simona, Giulia e Andrea, imparando a lavorare in sincronismo: questo è il progetto “Piazza Ragazzabile”, che a Villastellone è arrivato al quinto anno grazie alla collaborazione tra il Consorzio socio-assistenziale Cisa 31 e il Comune, con impegno diretto del consigliere Claudio Gaido, delegato dal neo assessore alle politiche sociali Caterina Nicco.

Il Cisa ha erogato i fondi per il progetto, mentre l’Amministrazione ha messo a disposizione i mezzi materiali per poter attuare i lavori da effettuare, comprese le assicurazioni dei giovani.
Si tratta di un programma dettagliato, che si è svolto nelle scorse settimane: i ragazzi, oltre a seguire un percorso di educazione civica per avere la sensibilità di ciò che stanno facendo, hanno svolto lavori di piccola manutenzione, come riverniciare le panchine e le fontane, oppure sistemare muri di contenimento del ponte pedonale sullo Stellone, attività per capire l’importanza dei beni della comunità e quindi il rispetto delle cose pubbliche.

Sono anche stati fatti laboratori pratici con Franco Pantina di Villastellone, il “mastro della calzatura” e con Mattia cicli di Piobesi, il “meccanico della bicicletta”, che hanno offerto a titolo gratuito la loro esperienza sul campo.
Seguendo il motto di Gaido “Fare anche meno, ma farlo meglio“ i ragazzi si sono adoperati per ottimizzare al massimo le ore a loro disposizione e i risultati sono ora visibili a tutti.