Qualità dell’aria: il vento accende il semaforo verde

85

Annullati i divieti di circolazione per i diesel Euro 4 e 5 e per i veicoli benzina e gpl Euro 1; restano in vigore quelli permanenti. La concentrazione di Pm10 nell’aria è scesa al di sotto dei limiti di guardia.

Carmagnola piazza Sant'Agostino aria pulita

L’aria del torinese torna pulita grazie al vento, e il “semaforo” delle polveri sottili torna a essere verde, revocando il divieto per i veicoli diesel Euro 4 ed Euro 5 e per quelli a benzina e gpl Euro 1 in tutti i Comuni del torinese aderenti (comprese Carmagnola e Carignano, oltre al capoluogo Torino e a tutta la prima cintura).

Il tavolo per la qualità dell’aria della Città Metropolitana di Torino -una volta ricevuti i dati da Arpa Piemonte- ha infatti annullato da oggi i blocchi straordinari alla circolazione per i mezzi ritenuti inquinanti, attivati nelle scorse settimane.

Dopo due giornate favorevoli dal punto di vista ambientale con i forti venti che hanno spazzato l’aria, i livelli delle Pm10 sono scesi per due giorni consecutivi al di sotto della soglia dei 50 microgrammi al metro cubo, dando via libera al “semaforo verde”.

Resta comunque in vigore -fino al 31 marzo- il divieto generale di circolazione per tutti i veicoli Euro 0 e per i diesel fino a Euro 3.
I primi devono restare fermi 24 ore su 24; mentre i mezzi a gasolio Euro 1, 2 e 3 sono bloccati dalle 8 alle 19 (trasporto persone) o negli orari 8,30-14 e 16-19 (veicoli commerciali per trasporto merci).